SHARE

siviglia

Note di calcio è una rubrica settimanale che mira a far conoscere gli inni delle squadre di calcio di tutto il mondo. Ogni società di calcio che si rispetti ha un proprio brano rappresentativo, molto spesso però sono i tifosi stessi a non conoscerne la storia e le origini.

Maidirecalcio.com proverà a narrare quest’ulteriore aspetto del calcio con la speranza di regalare a tutti i suoi lettori emozioni, ricordi e magari anche un pizzico di nostalgia.

Il brano scelto questa settimana è L’Himno del Centenario, il brano che narra la fierezza del popolo andaluso.

Situata sulle rive del fiume Guadalquivir, Siviglia è il capoluogo e la più grande città dell’Andalusia. La Città è l’anima della Regione e l’incarnazione del famoso modo di vivere andaluso. Gli abitanti dell’elegante città dorata vivono intensamente le tradizionali passioni spagnole: le tapas, il vino, la birra, le corride, il flamenco, la movida e le feste. Essa è dotata di quartieri dove si respira forte il sentimento popolare ed’un patrimonio architettonico arabo con numerosi edifici dichiarati Patrimonio dell’Umanità.

A Siviglia è forte anche il sentimento che accomuna il popolo al calcio tanto da esserci due squadre: il Real Betis, meglio conosciuto come Betis Siviglia e che attualmente milita nella Segunda Divison, ed il Sèvilla Futbol Club, ovvero il biancorosso Siviglia.

LA STORIA – Il Sevilla Futbol Club è uno dei club più antichi del panorama calcistico europeo. Fondato nel 1890 da un gruppo di giovani sivigliani figli di vecchi immigrati inglesi, la nascita del Siviglia fu “ufficializzata” solo quindici anni più tardi, nel 19o5, quando il governatore civile della città, Jose Contreas Carmona, approvò lo statuto dando validità legale alla società. Il giorno seguente, al Pasaje de Oriente, noto ristorante dell’epoca, durante un pranzo tra i firmatari dello statuto, Galician Jose Luis pronunciò la frase che sarebbe diventata l’emblema della società: “Todos los hombres de cualquier nivel social, ideas religiosas o políticas tendrán aquí cabida” (“Tutti gli uomini di qualunque classe sociale, idea religiosa o politica verranno qui inclusi”). 

Il Sevilla vanta un ricco palmarés fatto di un Campionato spagnolo, cinque Coppe di Spagna, una Supercoppa di Spagna,una Supercoppa Uefa e 3 Europa League, l’ultima vinta lo scorso anno ai danni del Benfica alla Juventus Stadium di Torino.

LA NASCITA DELL’HIMNO – Composto da Ángel Luis Osquiguilea de Roncales e Manuel Osquiguilea de Roncales, l’Himno Oficial del Siviglia nasce nel 1983 e viene cantato dai tifosi alla fine d’ogni partita di scena allo Stadio Ramon Sanchez Pizjuan per rendere omaggio ai giocatori della squadra andalusa. Nel 2005, in corrispondenza col centenario del club, Javier Labàndon, meglio conosciuto come El Arrebato, compone il brano che è oggi l’inno ufficiale del club e cantato allo stadio prima d’ogni partita. Intenso, vero e pieno di valori che simboleggiano il legame tra il popolo andaluso e la propria terra, L’Himno del Centenario è un vero e proprio grido di battaglia che i tifosi del Siviglia intonano ad ogni partita. Tra le sue righe s’evidenza la sagacia fermezza d’un popolo fiero d’essere andaluso, fiero delle sue origini e delle sue tradizioni popolari. A tratti L’Himno de Centenario sembra quasi un cantico intonato per un Santo, o altra figura divina, che viene venerata e ringraziata per il suo operato.

El Himno del Centenario si è imposto con un’inusuale forza che ha colpito lo stesso autore. Mai Javier Labandon avrebbe immaginato che il suo brano potesse diventare in grido di battaglia dei tanti tifosi del Sanchez-Pizjuan. Mai avrebbe immagianto che il suo brano potesse galvanizzare le menti dei giocatori del Siviglia tanto da rivoluzionare le proprie menti.

NON SOLO PER IL SIVIGLIA – Oltre ad essere tutt’ora l’inno del Siviglia, El Himno del Centenario è diventato un vero e proprio successo musicale cantato in molti angoli della Spagna.Il brano è arrivato ad essere il singolo più venduto in Spagna classificandosi quinto nella classifica hit del 2005. Risulta tutt’oggi l’inno di club più venduto in tutta la storia del calcio spagnolo. Il 9 ottobre 2006 il disco d’oro della canzone è stato inserito tra le pareti dello Stadio Ramon Sanchez-Pizjuan. Il 9 ottobre 2006 il disco d’oro della canzone è stato inserito tra le pareti dello Stadio Ramon Sanchez-Pizjuan.

Ecco il testo della canzone con la traduzione ed un video della canzone cantata dalla curva del Siviglia:

Cuentan las lenguas antiguas                                              (Raccontano antiche leggende)
que un 14 de octubre nació una ilusión.                            ( che un 14 d’Ottobre nacque un sogno)
Su madre fue Sevilla y le prestó su nombre                       (Sua madre fu Siviglia e le diede il suo nome)
y para defenderlo le dio a una afición.                               (e per difenderlo una tifoseria le donò)

Ejemplo de sevillanía,                                                             (Esempio di amore per Siviglia)
familia roja y blanca del Sánchez Pizjuán.                       (famiglia rossa e bianca del Sànchez Pizjuan)
Un corazón que late gritando ¡Sevilla!                               (Un cuore che batte urlando Siviglia)
llevándolo en volandas por siempre a ganar.                   (correndo rapidamente per sempre verso la vittoria)

Y es por eso que hoy vengo a verte,                                      (Ed è per questo che oggi vengo a trovarti)
sevillista seré hasta la muerte                                               (sivigliano sarò fino alla morte)
La Giralda presume orgullosa                                               (La Giralda è orgogliosa)
de ver al Sevilla en el Sánchez Pizjuán.                              (di veder il Siviglia al Sanchez Pizjuàn)

Y Sevilla, Sevilla, Sevilla,                                                       (E Siviglia, Siviglia, Siviglia)
aquí estamos contigo Sevilla,                                               (siamo qui con te Siviglia)
compartiendo la gloria en tu escudo,                                 (condividendo la gloria in tua difesa)
orgullo del fútbol de nuestra ciudad.                                  (orgoglio calcistico della nostra città)

Dicen que nunca se rinde                                                      (Dicono che non s’arrende mai)
y el arte de su fútbol no tiene rival.                                     (e che l’arte del suo calcio non ha rivali)
Más de cien años lleva mi equipo luchando                    (è da cento anni che la mia squadra lotta)
y abanderando el nombre de nuestra ciudad.                  (per difendere il nome della nostra città)

SHARE