SHARE

kei nishikori

Il mondo del tennis negli ultimi anni è diventato sempre più eurocentrico: le migliori scuole di tennis ed anche il maggior bacino di talenti ormai si sono spostate sempre di più in Europa dopo che per anni gli Stati Uniti sono stati il fulcro del tennis mondiale. La classifica ATP infatti ne è testimone: tra i Top10 solo due non sono europei. Tra questi troviamo Kei Nishikori: il talento giapponese ha raggiunto la settima posizione mondiale ma è quinto nella Race stagionale. Durante questa stagione il “Ninja” ha conquistato ben quattro dei suoi sette trofei totali ed ha compiuto il definitivo salto di qualità dimostrando di poter competere con i migliori. In questa stagione può vantare vittorie su Roger Federer e Novak Djokovic e soltanto un infortunio gli ha impedito di detronizzare Rafael Nadal nella finale di Madrid. La crescita del giapponese è evidente agli occhi di tutti, la vera incognita è il suo fisico: sono infatti troppi gli infortuni subiti nel corso della sua breve carriera. Il fisico appare infatti troppo “leggero” per resistere agli sforzi che il suo stile di gioco impone.

GLI INIZI Kei Nishikori è nato il 29 dicembre 1989 a Shimane in Giappone ed ha iniziato a giocare a tennis all’età di cinque anni. A quattordici anni, senza conoscere una parola di inglese, si trasferì in Florida alla IMG Academy di Nick Bollettieri grazie ad una borsa di studio riservata ai migliori atleti giapponesi sponsorizzata da Akio Morita, cofondatore e CEO di SONY. Ad oggi è allenato da Dante Bottini e Michael Chang, ex giocatore e campione Slam.

CARATTERISTICHE TECNICHE Il giapponese è un giocatore completo dotato di fondamentali eccellenti. Il dritto è un colpo meno naturale, sul quale ha dovuto lavorare molto, ma che ad oggi considera lui stesso il suo colpo migliore: giocato con una impugnatura semi-western è un colpo pesante e profondo, ottimo soprattutto nella variante inside out. Il rovescio è un colpo naturale, che Nishikori si porta da casa come si è soliti dire: giocato con impresa bimane è un colpo con il quale il giocatore riesce ad aprirsi il campo e portare dalla sua parte l’inerzia dello scambio. Il servizio è un colpo solido ma, penalizzato dalla non straordinaria altezza (176 cm), non è al livello degli altri fondamentali. La miglior qualità del “Ninja” è sicuramente il timing sulla palla: l’anticipo con il quale gioca i colpi da fondo è eccezionale ed in questo ricorda un grande campione del passato, Andre Agassi. Inoltre, così come era per il Kid di Las Vegas, anche per Nishikori la risposta è un colpo fondamentale: aiutato dal suo perfetto timing sulla palla, la risposta è un colpo basilare del gioco del giapponese.

CARATTERISTICHE FISICHE E MENTALI Kei Nishikori è un atleta completo dotato di resistenza e di un footwork fantastici che gli permettono di sopperire con la rapidità e la velocità ad una potenza non eccezionale. I dubbi semmai riguardano la fragilità del suo fisico: come già detto infatti troppo spesso il giapponese è stato vittima di vari infortuni che ne hanno minato la continuità. Mentalmente il giapponese si è sempre dimostrato un giocatore solido, capace di battersi alla pari con i Fab Four senza risentirne a livello psicologico, come dimostrano le sue vittorie. Nishikori è ormai un giocatore pronto e maturo per i migliori palcoscenici.

https://www.youtube.com/watch?v=wxoP0yV2SYE

 

SHARE