SHARE

image

Al Franco Ossola va in scena una partita a ritmi alti, con un Varese che continua ad apparire in forma giocando per tutti 90′ meglio degli avversari del Modena. Impressiona il giovane bomber Miracoli, ex Feralpi Salò che segna il suo primo gol in Serie B riuscendo e nella seconda frazione raddoppia regalando i tre punti alla sua squadra. La compagine di Novellino viene così agganciata in classifica proprio dai lombardi.

L’inizio della prima frazione è abbastanza a ritmi blandi per entrambe le squadre. I pochi tifosi presenti,infatti, (se ne contano 3000) devono aspettare il 17′, con Granoche che salva sulla linea il colpo di testa di Martino Borghese. Dal corner seguente il Varese passa in vantaggio con Miracoli che anticipa tutti sul primo palo battendo Pinsoglio. Il Varese dopo il gol prende fiducia e si mostra molto propositivo, sfiorando il raddoppio sempre con il giovane Miracoli che al 27′ prova da lontano la botta ma il la conclusione va in angolo. La svolta arriva al 37′, con il rigore assegnato al Modena per il fallo di mano dubbio di Luoni su colpo di testa di Granoche. “El diablo” spiazza Bastianoni e riporta la partita sul pareggio. L’ultima emozione della prima frazione si registra al 41′, quando Pinsoglio compie un miracolo sulla punizione di Zecchin. Il secondo tempo comincia con il solito Varese a fare la partita e al 50′ tiro a giro di Luoni parato da Pinsoglio che poi si  infrange sulla traversa.Ci prova ancora Zecchin, sempre su calcio di punizione. Il grande pressing premia i  padroni di casa grazie al gran gol del solito Miracoli. Al 75′ gira in porta la palla col contagiri di Corti, firmando il meritato sorpasso sui canarini. La pietra tombale la da Thiago Cionek che lascia i suoi in dieci in seguito ad un’espulsione rimediata un minuto dopo il gol subito. Il match finisce con Zoboli che potrebbe pareggiare la partita ma il suo colpo di testa risulta troppo fiacco per battere Bastianoni. Al fischio finale i pochi tifosi presenti all’Ossola esultano per un Varese che continua a vincere e a convincere mettendosi alle spalle le brutte vicende dentro e fuori dal campo.

SHARE