SHARE

cristiano ronaldoTrofei, record, numeri spaventosi e nessuna voglia di fermarsi. Questo è da sempre, Cristiano Ronaldo, assieme a Lionel Messi il miglior giocatore del pianeta, simbolo del Real Madrid, il club più conosciuto e prestigioso al mondo. E’ da stasera, CR7, potrebbe eguagliare un altro incredibile primato che ancora manca alla sua collezione: quello di diventare, assieme a Raul, il miglior marcatore della storia in Champions League. Proprio Raul dunque, bandiera del Real Madrid fino a poche stagioni fa, detentore ancora oggi di questo record; 71 reti realizzate nella massima competizione europea nell’arco di una carriera lunga e ricca di soddisfazioni. Le stesse che Cristiano si è tolto, nonostante non abbia ancora compiuto trent’anni, e abbia dunque davanti a se ancora tante stagioni per batterlo e migliorarlo, continuando a vincere con la casacca blanca delle merengues.

Il portoghese è fermo a 70 e in questa edizione ha già segnato contro Basilea e Liverpool (nella sfida di andata), tra poche ore potrebbe raggiungere quota 71. Una cifra impressionante se si considerano le presenze maturate in Champions in questi anni, 110 in quasi dieci stagioni. Due coppe conquistate (la decima con il Real proprio lo scorso maggio) e il primato di reti realizzate in una sola edizione (16) sempre la stagione scorsa. Raul aveva impiegato 142 partite per stabilire l’attuale primato, con una media gol di 0,5; CR7 viaggia ad una media di o,65, per intenderci.

A fare da guastafeste però, potrebbe esserci come spesso capita, Leo Messi, un altro che in quanto a reti in Champions League non scherza affatto. La pulce, più giovane di due anni rispetto al grande rivale lusitano, è fermo a quota 69 e domani punta a incrementare il proprio bottino nella sfida all’Ajax. Se possibile, la media gol della stella del Barca, è addirittura superiore a quella di Ronaldo: 0,78 a partita, 69 gol in 89 presenze. A questo però ci sarà tempo per pensarci, stasera potrebbe essere la serata giusta per eguagliare e magari superare Raul (per più di vent’anni titolare anche lui della maglia numero 7); la sfida con Messi continuerà ancora nei prossimi anni, c’è da giurarci. Il Real vuole chiudere il discorso qualificazione, Ronaldo guadagnarsi un posto nella storia: il Liverpool è avvisato.

SHARE