SHARE
alaba florenzi
Alaba il migliore in campo per distacco, Florenzi lotta come un leone ma esce per un brutto infortunio alla caviglia destra

BAYERN MONACO 7.5 Massimo risultato con il minimo sforzo: la squadra di Guardiola non sembra andare a mille all’ora come all’andata, ma con gli avversari che pensano solo a difendersi basta. Tatticamente e tecnicamente superiori.

Manuel Neuer 6.5 Con il baricentro basso della Roma gioca anche poco di piede, riesce a frenarsi su Nainggolan che cercava il rigore in una delle rare scorribande giallorosse. Nel finale si esibisce in una parata incredibile su una conclusione da fuori del belga.

Mehdi Benatia 7 Partita sontuosa dell’ex di giornata: annulla Iturbe e Destro a turno, è sempre sicuro in fase di impostazione. Dopo un periodo di ambientamento sta trovando la sua collocazione negli schemi di Guardiola.

Jerome Boateng 6 Solido come sempre, non è chiamato a particolari interventi: controlla la difesa con autorità ed è sempre preciso in fase di impostazione.

David Alaba 8 Prestazione mostruosa del terzino austriaco: parte difensore centrale, scala centrocampista, arriva da trequartista e serve un assist al bacio per Ribery. Giocatore totale, tatticamente incredibile, è lui il vero perno del gioco di Guardiola. Servirebbe un editoriale intero per spiegare il suo apporto alla squadra. Todocampista.

Rafinha 6 Tecnicamente è di un altro pianeta (in negativo) rispetto al resto della squadra: l’ex Genoa fa il compitino con tranquillità, il terzino avversario è troppo occupato da Gotze e Lahm per attaccare.

Philip Lahm 7 Impressionante: il capitano del Bayern non sbaglia un pallone in 90 minuti, ripiega, si inserisce, salta l’uomo, crossa e prova anche il tiro. Da centrocampista sta tirando fuori tutta la sua sapienza tattica.

Xabi Alonso 6.5 Non illumina come all’andata, si limita a giocate scolastiche senza mai sbagliare un pallone: solito metronomo, gli manca soltanto la giocata ad effetto.

Juan Bernat 6 Spinge con disciplina e ripiega con tranquillità: non è di certo costretto a fare gli straordinari per coprire, menzione di merito per aver innescato Alaba nell’azione dell’1-0.

Franck Ribery 7 Nel primo tempo fa impazzire la retroguardia giallorossa e trova il gol con un colpo da biliardo da campione vero: cala nella ripresa, il suo ginocchio fa preoccupare Guardiola.

Mario Gotze 6.5 Primo tempo in chiaroscuro, nella seconda frazione cresce e trova un gol bellissimo su assist di Lewandowski: il tocco sotto con cui batte Skorupski è da vedere e rivedere.

Robert Lewandowski 6.5 Fatica più dell’andata in mezzo ai due centrali della Roma, riducendosi ad una partita di sacrificio: un suo guizzo frutta l’assist per Gotze.

Xerdan Shaquiri 6.5 Entra e sembra tarantolato: cerca il gol in un paio di occasioni ma non trova mai lo spunto giusto fino in fondo, devastante nell’uno contro uno.

Sebastian Rode SV

Pierre Hojbjerg SV

ROMA 4.5 Rinuncia completamente a giocare: Garcia trasmette brutte sensazioni già dall’annuncia delle formazioni, lasciando fuori Gervinho e Pjanic. Regge bene in difesa nei primi minuti, ma dopo la mezz’ora del primo tempo non riesce a ripartire, lasciando tutto il campo ai tecnicissimi avversari.

Lukasz Skorupski 6 Non può nulla sul colpo di biliardo di Ribery e sul delizioso pallonetto di Gotze, sicuro nelle parate semplici e bravo a trattenere i palloni.

Jose Holebas 5 Primo tempo sottotono, soffre moltissimo le sovrapposizioni di Lahm con un Gotze certamente non in serata di grazia. Lascia il campo ad Ashley Cole nella ripresa.

Mapou Yanga-Mbiwa 6 Dove non arriva con i limiti tecnici riempie con grande aggressività: fa sentire il fisico agli attaccanti del Bayern marcando benissimo, piede ruvido in impostazione.

Konstantinos Manolas 6.5 Contiene bene Lewandowski grazie alla sua velocità: il polacco non lo salta mai, è sicuramente fra i migliori dei suoi. Baluardo.

Vasilis Torosidis 4.5 Soffre moltissimo Alaba che lo costringe a rinculare costantemente: praticamente nullo in fase di spinta, traballa paurosamente ed è colpevolmente assente sulla rete che apre le marcature.

Daniele De Rossi 6 Combatte con coraggio e fa praticamente da difensore aggiunto: se gli avversari faticano a trovare il giusto pertugio è anche grazie a lui.

Radja Nainggolan 6.5 Il più grintoso dei suoi: è un gladiatore a centrocampo, recupera molti palloni anche se a volte, pressato, pecca in impostazione. Nel finale Neuer gli nega la gioia del gol.

Seydou Keita 5.5 Il meno positivo del centrocampo giallorosso: si lui ci si ricorda per un buon lancio nel secondo tempo, da una mano in fase difensiva ma si nasconde troppo quando è il momento di impostare. Non da lui.

Juan Manuel Iturbe 4 Il peggiore in campo: non entra mai in partita, sbaglia tutti i palloni che gli capitano fra i piedi e non si prende neanche il disturbo di lottare sui palloni. Anemico e involuto.

Mattia Destro 5 Una buona occasione nel primo tempo e poco più: un voto in più di Iturbe perché, al contrario dell’argentino, lotta come un leone, ma è effettivamente troppo poco. Partita complicatissima fra Benatia e Boateng.

Alessandro Florenzi 6 Partita generosa dell’esterno romano: si sacrifica molto in chiusura, si fa male nel primo tempo e stringe i denti. Nella seconda frazione appoggia di nuovo male il piede e chiede immediatamente il cambio.

Ashley Cole 5.5 Difende con diligenza nel secondo tempo, soffre un po’ troppo l’esplosività fisica di Shaquiri nel finale.

Miralem Pjanic 6 Rileva Florenzi e da qualità alla manovra: i suoi passaggi permettono agli esterni di rifiatare a fanno saltare un paio di tempi di pressing ai bavaresi, peccato per non averlo visto 90 minuti.

Gervinho 6 Entra ed è da lui che parte l’azione più pericolosa della partita per la Roma: la squadra di Garcia fatica a rinunciare dall’ivoriano, pedina fondamentale nello scacchiere tattico della Roma.

SHARE