SHARE

garcia

Quella contro il Bayern Monaco è una partita diversa dal solito, già per come è stata presentata da Rudi Garcia in conferenza. La sua Roma infatti, stando alle parole rilasciate dal francese in sala stampa, scenderà in campo stasera all’Allianz Arena per limitare i danni consapevole che sarà estremamente difficile tornare a casa con i 3 punti od anche solo con un pareggio. Questo tenendo in considerazione quanto visto all’andata oltre al momento poco entusiasmante sul piano del gioco mostrato dalla formazione capitolina, che comunque è seconda in classifica in Serie A come ha tenuto a precisare Miralem Pjanic. Alla luce dei fatti però la Roma non è una squadra qualunque pronta a farsi sbranare dai tedeschi: già a Manchester nella tana del City si era sfiorata l’impresa ed i mezzi tecnici di Totti e compagni non sono certo accomunabili alla norma, le parole di Rudi Garcia perciò suonano più come un cambio di strategia sul piano comunicativo dopo eccessi di spavalderia che già l’anno scorso, a conti fatti, non hanno portato nulla in termini di trofei nonostante una stagione favolosa e decisamente inaspettata.

VOLARE BASSI – La Roma però non è più una outsider ed anche se punta a vincere, potrebbe cominciare a ritorcersi contro l’ambiente la continua tiritera sui propositi di voler conquistare lo scudetto e di voler stupire tutti in Champions. Ieri non abbiamo visto un Rudi Garcia assurgersi a protagonista con la macchina fotografica o parlare di aspettative magnifiche, e siamo dell’idea che sia stato un bene: di Mourinho ce n’è solo uno e questi atteggiamenti in serie probabilmente non fanno bene al clima verbale del calcio in generale, per quanto possano essere anche divertenti. Garcia ha parlato di una possibilità su dieci di vincere oggi contro il Bayern Monaco…tradotto: “Andiamo in campo e giochiamo come sappiamo in casa di una corazzata che non ha mai lasciato punti agli avversari”, che non vuol dire limitare gli obiettivi di stagione ma semplicemente sgonfiare la pressione che si è venuta a creare sui giocatori, specie dopo il 7-1 subito all’andata e la nettissima sconfitta di Napoli.

COSI’ IN CAMPO – Per quanto riguarda la formazione che Garcia opporrà stasera a Goetze e compagni, si è allenato regolarmente nella rifinitura di ieri svolta sul prato dell’Allianz il greco Torosidis, che aveva fatto preoccupare il tecnico transalpino per un problema al retto femorale. Anche se non al top, Torosidis sembra comunque in grado di scendere in campo nel ruolo di terzino destro dato il perdurare dell’indisponibilità di Maicon. In caso di estrema necessità però potrebbe andare il tuttofare Florenzi sulla fascia mentre appare sicuro il ritorno di Daniele De Rossi a centrocampo con ai suoi lati Nainggolan e Keita. In avanti sicuri gli impieghi di Pjanic come trequartista e di Gervinho e Destro (all’esordio in Champions League).

TORNA STROOTMAN – Intanto domenica ci sarà il ritorno in campo di Kevin Strootman, assente dallo scorso febbraio per il grave infortunio subito ai legamenti. L’olandese verrà convocato nella Primavera di Alberto De Rossi, che per l’occasione giocherà su un manto erboso naturale lasciando il sintetico, proprio per impedire sollecitazioni all’arto di Strootman. Nel giro di un mese è ipotizzabile il ritorno in pianta stabile del centrocampista orange in prima squadra. Mercato: il giovane Achraf Lazaar, 22enne terzino sinistro marocchino con passaporto italiano del Palermo, è stato accostato alla Roma già per gennaio in vista di una eventuale cessione di Ashley Cole. Youth League: in Germania c’è proprio la Primavera di papà De Rossi, che oggi alle 14:30 affronta i pari età del Bayern, queste le probabili formazioni:

BAYERN MONACO (4-2-3-1) : Hundertmark; Pohl, Walter, Gschwend, Okoroji; Memetoglou, Gaudino; Kurt, Hingerl (C), Scholl; Eberwein.
A disp.: Zieger (GK), Della Schiava, Pfab, Leib, Pantović, Micheli, Strein.
All.: Vogel.
ROMA (4-3-3) : Marchegiani; Paolelli, Capradossi, Marchizza, Anočić; D’Urso, Pellegrini (C), Adamo; Verde, Sanabria, Di Mariano.
A disp.: Ionut Pop (GK), Belvisi, De Santis E., Di Livio, Ricozzi, Soleri, Taviani, Vasco.
All.: De Rossi.

SHARE