SHARE

m'vila

E adesso cosa diranno i media francesi? Ancora increduli del fatto che il loro connazionale, Yannick M’Vila, non si fosse negativamente distinto anche nella sua nuova esperienza italiana, ne avevano sottolineato il cambiamento che (sembrava) essere intervenuto, auspicando per lui una stagione positiva. Niente di tutto questo, falso allarme. M’Vila ci è ricascato e adesso si che i francesi lo riconosceranno davvero. Prima letteralmente irreperibile e sparito dalla circolazione, poi ricomparso con tanto di scuse e infine multato dall’Inter; il caso è chiuso, per ora. I fatti: dopo la seduta d’allenamento facoltativa, voluta da Walter Mazzarri dopo la sconfitta con il Parma, alla quale aveva partecipato regolarmente, M’Vila ha preso un aereo per Parigi in compagnia della prorompente compagna Nabilla Benattia ma non è tornato in tempo per l’allenamento dell’indomani mattina (lunedi). La versione fornita dal centrocampista nerazzurro racconta di un messaggio affidato ad una persona della società, in cui veniva comunicato il ritardo; messaggio però mai arrivato a destinazione. A M’Vila non è restato altro che scusarsi: l’Inter ha preso atto e multerà il giocatore.

PASSATO BURRASCOSO L’ultima bravata del ventiquattrenne francese è poca roba, se paragonata alle precedenti. Famosa quella accaduta nel 2012, quando M’Vila abbandonò il ritiro della nazionale under 21 e venne beccato in una discoteca di Parigi (fu punito con un richiamo federale e sospeso per 3 mesi da ogni attività nazionale); non da meno, una rissa in strada con un automobilista, un furto di 13 mila euro subito da due prostitute e una visita in commissariato per aver picchiato un ragazzo. Non certo un tipo affabile M’Vila, che a furia di colpi di testa ha perso prima la nazionale transalpina (conquistata quando vestiva la maglia del Rennes), e poi il treno giusto per giocare da protagonista in Europa. L’Inter lo aveva ripescato in Russia, nel Rubin Kazan, puntando forte sulla sua voglia di riscatto e redenzione dai peccati passati; presentatosi in ritiro con 7 kg in più rispetto al suo peso forma, M’Vila sembrava aver messo la testa a posto. Anche se, a dirla tutta, il suo impatto con il nostro calcio è stato tutt’altro che positivo (poche presenze e qualche problema fisico) e far notizia sono state più le forme della sua fiamma.

A chiudere definitivamente il caso sono arrivate anche le parole del suo agente, Fabrizio Ferrari: “Niente di grave. Certo, se non fosse accaduto, si evitavano inutili polemiche“. Di sicuro, ma con M’Vila non ci annoia mai e questo all’Inter lo sapevano già.

SHARE