SHARE

 

de guzman

Al San Paolo, i padroni di casa del Napoli tornano a respirare aria d’Europa, affrontando gli svizzeri dello Young Boys nel quarto turno della fase a gironi di Europa League. I partenopei hanno raccolto sin qui 6 punti, in virtù di 2 vittorie ed 1 sconfitta, rimediata proprio contro i giallo neri a Berna due settimane fa, e questa sera vanno a caccia di 3 punti preziosi, per fare un deciso passo avanti verso la qualificazione ai sedicesimi di finale.

SUPER INSIGNE – La gara del San Paolo è bloccata nel primo quarto d’ora con i partenopei alla ricerca di varchi tramite un possesso palla lento e prevedibile. Tra il quarto d’ora e la mezz’ora gli azzurri alzano i giri del motore andando più volte vicini alla rete. Al 15’ è Insigne a costringere Mvogo alla parata con un destro insidioso. Intorno al 20’ sale in cattedra Jonathan De Guzman, che sfiora il vantaggio in due occasioni: prima calcia alto dal dischetto del rigore su assist di Zapata e poi 2 minuti dopo va a centimetri dal gol di testa, su cross di Mertens. La fase centrale vede ancora i padroni di casa intenti ad aggirare la difesa elvetica con la manovra, limitando al meglio le poche sortite offensive dei giallo neri. Negli ultimi 10 minuti sale in cattedra Lorenzo Insigne che piazza uno squillo al 35’, prima di tentare al 42’ l’eurogoal da centrocampo dopo aver saltato il diretto avversario. 60 secondi dopo è ancora lo scugnizzo di Frattamaggiore a costringere Mvogo alla grande parata su un gran destro d’esterno dal limite dell’area.

DE GUZMAN E IL VENTO – Proprio quando sembrava dover finire 0-0, il Napoli trova il vantaggio al secondo minuto di recupero, grazie ad un gran destro di De Guzman, che cerca il cross, ma complice il vento trova una traiettoria beffarda ed imprendibile per il portiere ospite. Termina quindi 1-0 dopo i primi 45 minuti, in cui i partenopei hanno sfiorato il vantaggio più volte.

PIOVONO OCCASIONI – Il Napoli riprende da dove aveva lasciato, collezionando occasioni da gol in serie nei primi 20 minuti della ripresa, schiacciando lo Young Boys nella propria metà campo. Intorno all’ora di gioco, i partenopei sprecano per due volte il colpo del k.o., prima con Duvan che servito da Mesto spara alto da cento area, e poi è Insigne ad angolare troppo il destro dall’altezza del dischetto del rigore su assist al bacio di De Guzman. Al 60’ è ancora ‘il Magnifico’ a cercare la rete servito da Inler in area, sparando però di poco alto.

LA CHIUDE DE GUZMAN – Al 65’ arriva il raddoppio del Napoli, con la progressione di Zapata, che semina due avversari prima di servire a De Guzman un pallone da spingere solo in rete. Un minuto dopo è ancora il colombiano ad essere protagonista con una botta da fuori sventata in angolo da Mvogo. Al 83’ arriva la tripletta personale di De Guzman che approfitta di una respinta corta della difesa per piazzare la zampata mancina del definitivo 3-0. Nel finale controllano i partenopei concedendo ai giallo neri solamente un occasione sventata in uscita bassa da un attento Rafael. Termina così 3-0 per gli azzurri che volano in testa al girone grazie ad un super De Guzman.

TABELLINO E PAGELLE

Napoli-Young Boys 3-0 (De Guzman 45+2’, 65’ E 83’)

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael 6; Mesto 6, Henrique 6, Koulibaly 6,5, Britos 6 (Ghoulam 6); Inler 6, Gargano 6; Mertens 6,5, De Guzman 7,5, Insigne 7 (Callejon s.v.); Duvan 5,5 (Higuain s.v.) All. Benitez

YOUNG BOYS (4-2-3-1): Mvogo 7; Hadergjonaj 6, Vilotic 5, Von Bergen 5,5, Rochat 5,5; Bertone 5,5, Steffen 6; Gajic 5,5 (Kubo 5,5), Nuzzolo 5,5 (Nikci 6), Sanogo 6; Hoarau 5,5 (Afum s.v.) All. Forte

IL MIGLIORE – De Guzman 7,5: Porta a casa il pallone del match, grazie alla sua prima tripletta in azzurro. Nel primo tempo è il più pericoloso sfiorando due volte il vantaggio prima di trovare con la complicità del vento il gol dell’1-0. Nella ripresa cresce ancora, dispensa assist e trova altri due gol da opportunista.