SHARE

maccarone

Prova di coraggio dell’Empoli che porta a casa i 3 punti dopo una partita molto avvincente specialmente nel secondo tempo: i toscani segnano su due disattenzioni degli ospiti e trovano il gol prima con Barba e poi con Maccarone; Lazio in rete col serbo Djordjevic, ma non basta: addio al terzo posto e fallito l’aggancio alla Roma:

IL MATCH – Empoli-Lazio comincia con due buone occasioni per entrambe le squadre: apre le danze Maccarone all’8′ con una conclusione che sfiora il palo, risponde un minuto dopo Candreva con una conclusione sulla quale Sepe sembrava battuto e poi anche Djordjevic dice la sua con un colpo di testa fuori di poco. Dopo una incursione di Parolo al 14′ con l’ennesimo tiro che manca il bersaglio di pochi cm, è l’Empoli a salire in cattedra ancora con Maccarone, ben assistito dal giovane Zielinski: palla fuori. I biancocelesti, in tonalità rosso scuro oggi, si spengono via via nel corso della prima frazione di gioco lasciando all’Empoli la possibilità di organizzare la propria manovra e l’unica occasione degli ospiti nel primo tempo dopo le sortite iniziali è di Candreva al 34′ con il pallone finito alto dopo una buona azione personale. Nel finale Mauri chiede il cambio con Ederson a causa di una cotnrattura muscolare.

DOPPIA SVOLTA – Nella ripresa la squadra di mister Sarri appare più intraprendente e passa presto in vantaggio con un gol del giovane difensore Federico Barba: il giovane difensore romano, al primo gol in Serie A in due presenze, colpisce il pallone di testa producendo una traiettoria arcuata e molto angolata che non lascia scampo a Berisha. Due minuti dopo arriva un’altra svolta in Empoli-Lazio, con Massimo Maccarone che fa 2-0 di sinistro dopo uno schema su calcio piazzato.

TUTTO VANO – La Lazio viene sorpresa da questo improvviso uno-due dei toscani ma trova la forza di regire: Pioli mette dentro Klose al posto di Braafheid ma è Djordjevic a riaccendere le speranze di rimonta dei biancocelesti con un bellissimo colpo di testa in terzo tempo al 67′. Negli ultimi venti minuti di gara girandola di sostituzioni da entrambe le parti; in particolare la Lazio mentre dentro l’ennesima punta con l’ingresso sul terreno di gioco di Felipe Anderson, particolarmente ispirato. La Lazio però non riesce a creare ulteriori pericoli ed è l’Empoli a far suoi i 3 punti dopo una prova di grandi carattere e solidità.

 

EMPOLI-LAZIO 2-1 TABELLINO

EMPOLI (4-3-1-2): Sepe 6,5; Laurini 6 (69′ Hysaj 6), Rugani 6.5, Barba 7, Mario Rui 7; Vecino 6.5, Valdifiori 7.5, Croce 6; Zielinski 6.5 (58′ Laxalt 5.5); Pucciarelli 6 (85′ Bianchetti), Maccarone 7.
A disp.: Bassi, Pugliesi, Bianchetti, Perticone, Moro, Signorelli,Tavano, Aguirre, Mchedlidze
All.: Sarri.

LAZIO (4-3-3): Berisha 6; Cavanda 5, De Vrij 6, Ciani 5.5, Braafheid 5 (58′ Klose 5.5); Parolo 5.5 (77′ Felipe Anderson 6), Biglia 6, Lulic 6; Candreva 5, Mauri 6 (43′ Ederson 5), Djordjevic 6.5
A disp.: Strakosha, Guerrieri, Cana, Konko, Novaretti, Pereirinha, Gonzalez, Ledesma, Onazi
All.:
Pioli.

MARCATORI: 53′ Barba (E), 55′ Maccarone, 66′ Djordjevic (L)

AMMONITI: Rui (E), Cavanda, Ederson (L)

ARBITRO: Mazzoleni di Bergamo

 

MIGLIORE IN CAMPO – MACCARONE 7: Tanti sono i ragazzi di Sarri che si sono espressi bene oggi, ma noi scegliamo l’esperto attaccante di Galliate per l’importanza che riveste per gli azzurri toscani: primo gol in stagione che vale 3 punti importantissimi per i suoi

SHARE