SHARE

llorente

Piove allo Juventus Stadium, dove, per l’11/a giornata di campionato, va di scena Juventus-Parma. Clima festoso sugli spalti, con i tifosi della signora ad inneggiare il nome di Alessandro Del Piero, capitano di mille battaglie che oggi compie 40 anni. Il match è un vero e proprio monologo bianconero, con gli uomini di Massimiliano Allegri in costante possesso del pallone ed alla ricerca del giusto varco. Il cambio di modulo sembra agevolare gli uomini in blu, che trovano spazio sugli esterni grazie ai continui inserimenti di Lictsteiner a destra e di Pogba a sinistra. Elettrico come sempre Tevez, che agisce sul centrosinistra del campo e costantemente capace di saltare l’uomo e di provare la conclusione. Al minuto 23 arriva il primo gol di giornata targato Llorente, che sfrutta una maldestra respinta di Mirante su un tiro di Pogba. Il 4-3-2-1 sembra il vestito perfetto per lo spagnolo, che lo vede maggiormente in area di rigore e meno vincolato a compiti legati alla costruzione della manovra. Sei minuti dopo arriva il raddoppio con Lichsteiner, che raccoglie un pallone dal limite dell’area e che di destro mette dentro il suo primo gol in campionato. Il gol del raddoppio bianconero costringe il Parma a sbilanciarsi e a subire, al minuto 36, il terzo gol con ancora l’asse Lichtsteiner-Llorente protagonista. Lo svizzero è bravo a sfruttare lo spazio davanti a se e a mettere un buon cross dentro per lo spagnolo che, di piatto, mette dentro il suo secondo gol di giornata. Sul 3 a 0 i ritmi si abbassano fin al duplice fischio dell’arbitro, che al 45′ manda tutti negli spogliatoi per l’intervallo.

Il secondo tempo inizia col gol strepitoso di Carlos Tevez, che parte dal limite dell’area bianconera, salta prima Costa, poi Lucarelli, dopo Felipe ed infine batte Mirante con un implacabile destro. Rete eccezionale del numero 10 della Juventus, con lo stadio che non può far altro che alzarsi ed applaudire la grandissima azione. L’argentino si ripete poco dopo grazie a Pogba, che esplode un missile dal limite dell’area di rigore che, respinto da Mirante, viene catturato dallo stesso Tevez che non ci pensa su e mette dentro il gol del 5 a 0. L’uno-due della Juventus d’ inizio ripresa spegne definitivamente la partita e le già residue speranze del Parma, il quale non può far altro che assecondare il continuo giro palla degli uomini di Massimiliano Allegri. La frustrazione fa brutti scherzi ai gialloblu, con Acquah, punito dal Sig. Russo col cartellino giallo, che commette un bruttissimo fallo su subentrato Coman. Lo stesso che poco dopo scucchiaia un gran pallone in area per Morata, invitato a partecipare al festival del gol mettendo dentro il pallone del 6 a 0. Al minuto 88 Morata decide di mettere dentro la sua doppietta personale sfruttando un abile cross di Lichsteiner. Sul 7 a 0 finale, l’arbitro non può far altro che sancire la fine della partita con un sol minuto di recupero.

 

IL TABELLINO

MARCATORI: 23′ Llorente (JUV), 29′ Lichtsteiner (JUV), 36′ Llorente (JUV), 49′ Tevez (JUV), 58′ Tevez (JUV), 76′ Morata (JUV), 88 Morata (JUV)

AMMONITI: 73 ‘Acquah (PAR)

IL MIGLIORE: Llorente 7,5. L’attaccante della Juventus sembra essersi definitivamente sbloccato. Sempre nel vivo dell’azione, è bravo nel far sponde per i compagni e nello stare al centro dell’area di rigore pronto a spinger dentro qualsiasi pallone gli capiti.

JUVENTUS (4-3-2-1): Buffon 6; Lichtsteiner 7, Bonucci 6,5, Chiellini 6,5, Padoin 6,5; Romulo 6,5, Marchisio 6,5 (dal 81′ Mattiello s.v.), Pogba 6,5; Pereyra 6,5, Tevez 7 (dal 60′ Coman 6,5); Llorente 7,5 (dal 71′ Morata 6,5) . All. Allegri

PARMA (3-5-2): Mirante 5; Felipe 4,5, Lucarelli 5, Costa 4,5; Rispoli 4,5, Mauri 5 (dal 53′ Mariga 5),  Lodi 5, Acquah 5, De Ceglie 5 (dal 45′ Gobbi 5); Cassano 5 (dal 64′ Belfodil 5,5), Ghezzal 5 All. Donadoni

SHARE