SHARE

Avenatti

Il posticipo della 13a giornata di Serie B è un Bari-Ternana dalle svariate sfaccettature. Padroni di casa che non possono sbagliare se vogliono rimanere in corsa per il treno dei playoff, Ternana che invece si trova invischiata in piena lotta per non retrocedere e che deve dare un segnale dopo la partita contro l’Entella, sfortunata dal punto di vista del risultato ma incoraggiante sotto il profilo tecnico.

Bari che parte subito in maniera molto aggressiva, con l’intenzione di trovare subito il gol del vantaggio. Il problema però è che il gol lo trova invece la Ternana: Felipe Avenatti mette la sua firma con il 4° gol personale, un colpo di testa sul quale Donnarumma forse poteva fare un po’ meglio. 0-1 e per il Bari gara subito in salita e programmi da rivedere. Prima occasione per i padroni di casa al 14′: Caputo si mette in luce con una bella azione personale ma il tiro risulta lento e prevedibile per Brignoli. Altra conclusione da fuori un paio di minuti dopo: Defendi riceve dopo un’azione confusa in area ma il tiro arriva senza problemi tra le braccia del portiere avversario. La squadra di Mangia attacca costantemente ma lo fa con grande confusione e senza un’idea precisa di gioco. La Ternana da par suo riparte quando può e al 24′ spreca una grandissima chance con Ceravolo, che davanti alla porta si fa stoppare da Donnarumma in uscita. Al 33′ pazzesca opportunità per il Bari, che colpisce una traversa con De Luca in maniera abbastanza fortunosa (la palla gli carambola sul corpo e poi scheggia il legno alto). In seguito è Brignoli a dire di no a Caputo con una bella parata appena un minuto dopo l’occasione precedente. Il primo tempo di Bari-Ternana si chiude però tra i fischi del San Nicola, che aveva sostenuto per tutta la frazione la squadra ma che si scatena in una mini contestazione dato il risultato. Galletti che non riescono a trovare il gol contro una Ternana ben organizzata.

Seconda frazione che inizia con un cambio per il Bari: fuori un impalpabile Defendi, dentro Stoian. La pressione del Bari è sempre costante, ma le conclusione di Sciaudone e Stevanovic non risultano pericolose. Tesser si gioca invece la carta Bojinov, per cercare di piazzare il colpo del ko. Sciaudone ci prova ancora con un colpo di testa sul primo palo, senza successo. In generale il Bari sembra troppo impreciso nell’impostazione della parte finale dell’azione, e il pubblico continua a rumoreggiare. Clamorosamente è la Ternana a sfiorare il raddoppio, con una conclusione potente di Viola da fuori area che termina fuori di poco. Svolta però al 70′: Popescu, già ammonito, viene espulso da Pairetto e la Ternana è costretta a giocare gli ultimi 20′ in 10 uomini. Tesser è costretto a coprirsi e fa entrare Russo: il sacrificato è proprio Bojinov, che così si risiede in panchina. Mangia invece mette dentro Galano per cercare di finalizzare la superiorità numerica. Bari che però fa veramente fatica a costruire qualcosa di realmente importante. Il pubblico è sempre più spazientito dalla mancanza di precisione dei suoi calciatori. Prova Galano a scuotere i suoi ma il suo mancino è troppo debole per impensierire Brignoli. Il portiere della Ternana si rende ancora protagonista nel finale: grande la sua parata su De Luca che salva il vantaggio ospite. Dopo 5′ di recupero il risultato però non cambia: Bari-Ternana termina 0-1 tra i fischi assordanti del San Nicola. Brutto ko per la squadra di Mangia, che a questo punto rischia seriamente l’esonero dopo un inizio di campionato assolutamente non all’altezza delle aspettative. Tesser invece stavolta trova anche il risultato oltre alla prestazione con la terza vittoria stagionale, nuovamente in trasferta, tirando fuori la Ternana dalla zona playout. 

 

 

 

 

 

 

TABELLINO

FORMAZIONI
BARI (4-3-3): Donnarumma; Sabelli, Donati, Contini, Salviato; Sciaudone, Romizi (75′ Galano), Defendi (46′ Stoian); Stevanovic, Caputo, De Luca. All. Mangia

TERNANA (3-5-2): Brignoli; Popescu, Valient, Bastrini; Fazio, Gavazzi, Crecco (80′ Janse), Viola, Vitale; Avenatti, Ceravolo (58′ Bojinov (75′ Russo)). All. Tesser

AMMONITI: Romizi, Sciaudone, Sabelli (B) – Avenatti, Popescu, Vitale, Fazio (T)

ESPULSI: Popescu (T)

MARCATORI: 5′ Avenatti (T)

ARBITRO: Pairetto

 

Claudio Agave 

SHARE