SHARE

Tacchetti in fuga

L’emigrazione è il fenomeno sociale che porta un singolo individuo o un gruppo di persone a spostarsi dal proprio luogo originario verso un altro luogo. Tale fenomeno può essere legato a cause ambientali, economiche e sociali, spesso tra loro intrecciate (Wikipedia). Il popolo italiano ha sempre interpretato al meglio la definizione di emigrazione, infatti al giorno d’oggi è praticamente scontato trovare dei nostri connazionali in territorio straniero. Negli ultimi anni però il fenomeno si è allargato rapidamente toccando anche il mondo del calcio. Solo una decina d’anni fa sembrava difficile per i giocatori italiani lasciare la Serie A e il campionato più importante al mondo, ma il tempo ha mutato tante cose. Il nostro campionato è andato via via perdendo di qualità e ricchezza economica favorendo l’emigrazione dei talenti nostrani verso nuovi lidi, più importanti o con possibilità di maggiori guadagni rispetto a Serie A, Serie B e Lega Pro. Il fenomeno negli ultimi anni si è esteso a macchia d’olio, creando delle vere e proprie colonie di calciatori italiani all’estero.

Ecco l’andamento settimanale dei connazionali più famosi tra Champions e campionati:

IMMOBILE  Duplice impegno settimanale per l’ex bomber granata che raccoglie due successi tra Champions League e campionato. Mercoledì in Europa entra a 20 minuti dal termine, contro il Galatasaray, timbrando immediatamente il cartellino e dimostrando un gran fiuto del gol, prima di propiziare anche l’autogol del definitivo poker tedesco. In Bundesliga il Borussia Dortmund torna al successo, lasciando così finalmente l’imbarazzante ultima posizione in classifica, ma Immobile entra solo ad un minuto dalla fine, guadagnandosi anche il cartellino giallo per eccesso di foga. Convocato da Conte per il doppio impegno dell’Italia.

PELLE’ – Vince ancora il Southampton di Graziano Pellè, che batte in casa il Leicester per 2-0, collezionando la quarta vittoria consecutiva in Premier League dove i ‘Saints’ appaiono sempre più concretamente l’anti-Chelsea. Per il bomber leccese 90 minuti intensi, che hanno prodotto anche l’assist decisivo per il momentaneo vantaggio firmato da Long a metà ripresa. In virtù delle ottime prestazioni offerte in biancorosso, ha ottenuto ancora una volta la convocazione di Antonio Conte.

BALOTELLI – Sette giorni vissuti ancora in ombra per l’attaccante del Liverpool, che in Champions League osserva impotente dalla panchina la sconfitta dei ‘Reds’ in casa del Real Madrid. In campionato Brendan Rodgers gli concede nuovamente una chance da titolare, ma Mario la spreca ancora una volta, producendo nei 79 minuti in cui è in campo zero tiri e zero spunti. Il Liverpool in virtù di questi risultati rischia di non passare il girone di Champions, ed in Premier League è addirittura undicesimo. Nonostante le prestazioni poco felici delle ultime settimane, è comunque nell’elenco dei convocati per il doppio impegno della nazionale.

VERRATTI E SIRIGU – Settimana molto positiva a livello di risultati per il duo italiano in terra di Francia. In Champions League Verratti non partecipa al successo del PSG al ‘Parco dei Principi’ contro l’Apoel, mentre Sirigu mantiene la porta imbattuta, senza per la verità effettuare interventi durante tutto l’arco del match. In Ligue 1 i parigini battono tra le mura amiche il Marsiglia di Bielsa nel confronto diretto per 2-0. Sirigu mantiene ancora una volta l’imbattibilità, mentre Verratti appare leggermente sottotono e viene sostituito a metà ripresa da Cabaye. Con questa vittoria gli uomini di Blanc si portano ad un punto dall’OM.

RAGGI – Orgoglio italiano in Champions League, il difensore del Monaco sfodera l’ennesima buona prova in Europa, nonostante la sconfitta in casa del Benfica. In Ligue 1, invece, non mantiene gli stessi livelli, collezionando anche un ammonizione nel match pareggiato per 1-1 in casa del St. Etienne. I monegaschi viaggiano così ancora nell’anonimato del settimo posto a -9 dal Marsiglia.

BORINI Gioca titolare in Champions League contro il Real Madrid, non producendo mai un pericolo per la porta di Casillas, e finendo spesso nella morsa dei centrali madrileni. In campionato, entra nel finale per ribaltare il risultato nella gara contro il Chelsea, ma non punge mai dalle parti di Courtois.

CERCI – Continua a collezionare panchine Alessio Cerci nella sua avventura spagnola, prima in Champions nel successo contro il Malmo e poi in Liga nella sconfitta per 2-1 in casa della Real Sociedad, che fa scivolare l’Atletico Madrid in quarta piazza a -4 dai cugini del Real.

CRISTANTE – Neanche in panchina, nelle gare vinte in Champions contro il Monaco ed in campionato contro il Nacional. Il Benfica è ancora primo in classifica con un margine di due punti sul Guimaraes.

DONATI – Prosegue l’ottimo momento di Giulio Donati, che offre una buona prova nel match di Champions vinto per 2-1 in casa dello Zenit S. Pietroburgo, mettendo sul campo come sempre corsa, aggressività e dinamismo al servizio del Bayer Leverkusen. Nel weekend gioca ancora una volta 90 minuti nello 0-0 casalingo dei rossoneri contro il Mainz. Le ‘Aspirine’, rimangono agganciate al treno europeo occupando la sesta piazza in classifica, a 2 lunghezze dalla zona Champions.

CALDIROLA – Assente nel successo per 2-0 del Werder Brema che permette ai bianco verdi di lasciare l’ultima piazza in classifica, dando seguito alla vittoria della scorsa settimana.

PIOVACCARI – Non è neanche in panchina nel match perso dall’Eibar contro il Malaga per 2-1.

MANNONE – Dopo le ultime deludenti uscite, perde il posto da titolare a favore di Pantilimon, tra i pali del Sunderland, che pareggia in casa contro l’Everton.

CRISCITO – Doppia sconfitta Champions-campionato per l’ex difensore del Genoa, che gioca una partita sufficiente in Europa, pur perdendo il duello a distanza con Donati, prima di cadere domenica in campionato contro il Terek per 3-1. Lo Zenit S. Pietroburgo mantiene comunque il primato grazie alla contemporanea sconfitta del CSKA.

ANTENUCCI – New entry di questa settimana, l’ex attaccante della Ternana, ha timbrato il cartellino per la quinta volta in campionato, con la maglia del Leeds nel match vinto per 3-1 contro il Blackpool. Insieme a lui vincono anche l’ex portiere del Chievo, Silvestri e il centrocampista ex Sassuolo, Bianchi.

MADE IN INDIA – Settimana da dimenticare anche per Alex Del Piero che non festeggia al meglio i suoi 40 anni. Prima cade contro il Mumbay City entrando all’ora di gioco e poi pareggia per 0-0 in trasferta contro il Kerala, giocando 72 minuti. Molto bene, invece il Pune City di Cirillo, Magliocchetti e Colomba, che timbra anche il gol del definitivo 3-1 contro l’Atletico Kolkata primo in classifica. Chiusura per il Chennaiyin di Marco Materazzi che gioca anche 70 minuti nel pareggio per 2-2 contro il North East United, confermandosi come seconda forza del torneo.

SHARE