SHARE

rosina_catania_2sito

Dopo la 13/a giornata di Serie B,  in testa troviamo la “strana coppia” composta da Frosinone e Carpi. Le due squadre condividono il miglior attacco del campionato, con ventidue reti, ma i ciociari possono vantare anche la miglior difesa con soli nove gol subiti. Ad ora appaiono come le squadre più solide e affamate, che hanno nei loro allenatori il vero valore aggiunto. La compagine di Stellone ha piegato il Trapani per 4 a 1 con la tripletta di uno scatenatissimo Curiale. I ragazzi di Castori, invece, hanno bloccato il Bologna pareggiando per 0-0, mantenendo il distacco dai felsinei a tre punti.

Sempre nei piani alti abbiamo altre tre provinciali, come lo Spezia, l’Avellino e il Lanciano, rispettivamente terzo, quarto e quinto. I liguri hanno ritrovato il bomber Giannetti e superato in casa il Crotone, gli irpini invece sono stati trascinati dalla doppietta del solito immenso Castaldo,  infine gli abruzzesi hanno battuto di misura il Livorno, diretto concorrente per i play-off.

Il Perugia torna alla vittoria dopo quasi due mesi, superando per 2 a 1 la Virtus Entella, grazie ad un gran gol di Parigini. Continua la crisi del Bari che dopo i tre gol presi contro la Pro Vercelli, perde in casa con la Ternana. I limiti sono caratteriali, e soprattutto tecnici, la squadra non ha un’impronta di gioco e la difesa traballa. Intanto Paparesta dovrebbe confermare Mangia, che insieme alla squadra è stato contestato dal San Nicola, stufo di continue prestazioni al di sotto delle aspettative.

Nelle retrovie, tornano a vincere le “big”, con il Pescara che batte il Brescia trascinata da Maniero, e il Catania, che in casa stende il Varese con la rovesciata di Calaiò e con il ritorno al gol di Rosina. Vittoria anche per il Vicenza che con una doppietta di Moretti porta in cascina tre punti fondamentali per dare ossigeno alla classifica. Pareggio per Cittadella e Latina, rispettivamente terzultima e penultima in classifica. Un punto che serve a ben poco, dato che  entrambe si trovano bloccate nei bassifondi e senza vittorie da settembre (Latina dal 6 settembre, Cittadella dal 20)

SHARE