SHARE
Gilles Yapi Yapo
Gilles Yapi Yapo (32), ivoriano, è uscito con il ginocchio in frantumi dall’ultimo match con lo Zurigo: carriera a rischio

Il bruttissimo infortunio di Gilles Yapi Yapo, colpito da una bruttissima entrata di Sandro Weiser (che ha ricevuto anche una denuncia penale dallo Zurigo, squadra dell’ivoriano), ha fatto il giro del mondo negli scorsi giorni. La carriera stessa del centrocampista dello Zurigo è a rischio: non è scontato che riesca a tornare in campo. Questo però non è di certo il dramma peggiore della vita dell’ivoriano, come raccontato in un’intervista shock ad un sito evangelista: “Peccati, perversione, fornicazione, pornografia: un tempo ero schiavo di tutte queste cose. Entrai nel mondo dell’occultismo e la situazione peggiorò, persi molti soldi e pensai al suicidio. Solo quando mi chiesero di sacrificare mio figlio capii che era troppo, da lì sono rinato ed ho ritrovato la fede“, questa la storia da brividi del centrocampista.

Divenuto fervente credente della chiesa evangelista (che conta molti esponenti nel mondo del calcio, come ad esempio Kakà e Legrottaglie) ha iniziato la sua personale rinascita: “Dio è il mio presidente, Cristo il mio direttore sportivo e lo Spirito Santo il mio allenatore“, ha dichiarato Yapi Yapo nell’intervista. Noi gli auguriamo una pronta guarigione, sperando che possa tornare in campo il prima possibile.

SHARE