SHARE

Inglese

L’anticipo della 14a giornata di Serie B regala al Carpi l’opportunità di allungare, almeno momentaneamente, sulle inseguitrici: avversario dei padroni di casa è il Cittadella, invischiato nella lotta per non retrocedere. La squadra di Castori non perde da ben cinque turni ed ha un’occasione d’oro per lanciare un messaggio al campionato. Castori deve però rinunciare a Jerry Mbakogu: il talentuoso attaccante nigeriano si fa male nel riscaldamento, al suo posto gioca Inglese.

Carpi-Cittadella inizia con un buon impatto degli ospiti, che sfiorano il gol per due volte con Sgrigna. I primi 20′ sono tutti di marca granata ma alla prima occasione il Carpi, che aveva sofferto molto, passa in vantaggio: l’1-0 è firmato da Gagliolo che fredda il portiere avversario con un bel sinistro da fuori. Neanche il tempo di festeggiare e c’è subito il raddoppio: stavolta a siglare il gol è Romagnoli, che mette a segno la sua prima marcatura in questo campionato di Serie B. Il 2-0 resiste però solo pochi minuti, poiché al 35′ Barreca trova per gli ospiti il punto della distanza sfruttando un erroraccio in rinvio del portiere del Carpi, Maurantonio. Anche il 2-1, però, è destinato ad avere vita breve perché al 38′ è Inglese a ristabilire le distanze tra le due squadre, con un gol di punta: 3-1 Carpi. A fine frazione arriva addirittura il 4-1 dei padroni di casa: a siglarlo è nuovamente Inglese, che finalizza una grandissima azione corale e manda tutti al riposo con un risultato forse troppo pesante e bugiardo per la squadra di Foscarini, vista la buona gara svolta fino a quel momento dagli amaranto.

Il secondo tempo di Carpi-Cittadella si apre con la squadra sotto nel punteggio che, ovviamente, cerca di riaprire il match. Due i tentativi principali entro il 60′: prima Cappelletti conclude alto sopra la traversa, poi è Sgrigna ad impegnare seriamente Maurantonio su punizione. La gara diventa molto ruvida e fioccano cartellini gialli da una parte e dall’altra. Il Carpi sembra comunque in buon controllo del match, tanto che Castori concede gli applausi del pubblico ad Inglese, inserendo Lasagna. Al 76′ Cittadella in 10: ad essere mandato negli spogliatoi dall’arbitro è Busellato. 3′ dopo per il Cittadella ha l’opportunità di trovare la seconda rete: Coralli cade in area per trattenuta di Lollo e l’arbitro indica il dischetto del rigore. Sgrigna insacca una prima volta ma l’arbitro fa ripetere per via dei troppi uomini in area. Il secondo tentativo va a buon fine ma, nuovamente, l’arbitro annulla tutto per la troppa presenza dei calciatori nell’area di rigore, facendo infuriare il Cittadella. Sgrigna però non perde la calma e riesce ancora una volta a battere il portiere avversario per il 4-2. Il Carpi, ovviamente, negli ultimi minuti si dedica alla difesa del vantaggio maturato portando a casa il match ma riesce a trovare nuovamente la via della rete: a chiudere il match definitivamente è il neo entrato Lasagna, che sigla così il 5-2  finale di Carpi-Cittadella, con la squadra di Castori che si conferma rivelazione del campionato con il miglior attacco (27 gol fatti) e, in attesa delle gare di domani, un primo posto solitario che attualmente significherebbe promozione in Serie A.

 

 

 

 

TABELLINO

FORMAZIONI
CARPI (4-4-2): Maurantonio; Letizia (94′ Nava), Poli, Romagnoli, Gagliolo; Lollo, Bianco, Porcari, Di Gaudio (93′ Sabbione); Concas, Inglese (73′ Lasagna). All. Castori

CITTADELLA (3-5-2): Valentini; Scaglia, Pellizzer, De Leidi (52′ Gerardi); Cappelletti, Rigoni, Benedetti (46′ Busellato), Minesso (74′ Pecorini), Barreca; Sgrigna, Coralli. All. Foscarini

AMMONITI: Inglese, Lollo, Poli, Letizia, Di Gaudio (CA) – Minesso, Scaglia (CI)

ESPULSI: Busellato (CI)

MARCATORI: 25′ Gagliolo (CA), 28′ Romagnoli (CA), 35′ Barreca (CI), 38′ e 44′ Inglese (CA), 83′ rig. Sgrigna (CI), 95′ Lasagna (CA)

ARBITRO: Saia

 

Claudio Agave 

SHARE