SHARE

Juventus' Arturu Vidal scores against Roma

Juventus e Roma corrono ai ripari e per ridurre la distanza con le big europee sono pronte a sfruttare la carta del club satellite. Secondo “La Stampa” entrambe le società sono rivolte al Portogallo per soddisfare le proprie necessità: crescita dei propri giovani, tesseramento di calciatori extracomunitari da poter valutare e creazione di plusvalenze, linfa vitale per i bilanci.

Il Portogallo sembra la nazione ideale essendo i fondi d’investimento legalizzati, la tassazione sugli ingaggi limitata, esistono seconde squadre e c’è la possibilità di tesserare un illimitato numero di extracomunitari. Secondo il quotidiano la Juventus ha individuato il Boavista come club satellite di riferimento, la Roma invece avrebbe messo gli occhi sul Portimoense (seconda divisione portoghese).

Le due formazioni hanno quindi allargato il confronto non solo in campo, ma anche e soprattutto fuori sul mercato e oltre. Dopo aver puntato gli stessi calciatori (v. Iturbe e Nainggolan) ora entrambe le società si affidano alla stessa strategia per rinforzarsi ed espandere i propri affari. Ma non sono le prime in Italia a scegliere questa strada: dalla lungimirante Udinese (che ha comprato ben due club: Granada in Spagna e Watford in Inghilterra) passando per i profili più bassi di Parma (gli sloveni del Nova Gorica) e Genoa (Preziosi mantiene ancora una percentuale nel Lugano), mentre la Fiorentina ha scommesso la scorsa estate sull’esotica India con il Pune e il Napoli non ha concluso l’affare Leyton Orient.

I bianconeri in questi anni hanno stretto alleanze di mercato in Francia (Evian), Olanda (Den Bosch), Inghilterra (Middlesbrough e Norwich), Germania (Francoforte) e Spagna (Valladolid e Osasuna), ma ora vogliono avere una squadra tutta loro per essere ancora più competitivi. Stessa filosofia che sta animando la Roma e che ha già intavolato rapporti diretti in Australia, Canada e Brasile con accademie proprie o attraverso ex romanisti (Doni ed Emerson rispettivamente con Bonfim Paulista e Fragata), mentre due soci del presidente Pallotta sono pronti a far nascere due società satellite a Los Angeles entro il 2017.

SHARE