SHARE

gignac

Grossi problemi in casa Marsiglia e non riguarda il calcio giocato dove la squadra allenata da Bielsa è capolista in Ligue 1, ma i membri della società che con un vero e proprio blitz della polizia francese sono stati arrestati perché coinvolti nel controverso affare Gignac. L’attuale presidente Vincent Labrune è stato arrestato insieme al direttore generale Philippe Perez per il sempre più contestato trasferimento nel 2010, quando l’attaccante venne acquistato dal Tolosa per una cifra vicina ai 18 milioni di euro.

Secondo quanto riportato da ‘RTL‘, anche gli ex presidenti Pape Diouf e Jean-Claude Dassier sono stati arrestati perchè ritenuti coinvolti nelle operazioni. Ufficialmente, l’affare andò in porto per 18 milioni di euro, ma oltre all’agente Jean-Christophe Cano, ci sarebbero stati altri intermediari che avrebbero guadagnato profumate commissioni in modo poco chiaro. Ora i tifosi tremano e in molti prevedono ripercussioni anche in campo per la squadra allenata da El Loco.

SHARE