SHARE

Spagna-Italia Euro 2012

Il Parma è a un passo dal baratro: due punti di penalizzazione in arrivo per la società di Tommaso Ghirardi che, nella giornata di lunedì 17, non avrebbe pagato gli stipendi, né la relativa quota Irpef per i calciatori sotto contratto e per tutti i dipendenti della società Parma Fc. La classifica già brutta e spiacevole di suo, subirà altre modifiche verosimilmente introno alla fine di febbraio, quando la Covisoc avrà visionato il dossier della società. Gli ultimi giorni, frenetici in casa gialloblù, avevano visto lontani dalla sede operativa, sia Ghirardi che Leonardi, impegnati per cercare di cavare qualche ragno dal buco, senza tuttavia riuscirci.

Il finanziamento non è arrivato, nessun aumento di capitale, nè tantomeno nuovi soci o compratori all’orizzonte, con Taci che si è defilato proprio dopo le richieste di Ghirardi, sulle quote societarie. Si pensava di pagare almeno una parte degli stipendi, ma così non è stato anche perché se mai fosse stata attuata questa strategia, non sarebbe servita ad evitare la penalizzazione che si conoscerà nelle prossime settimane. Ora lo scenario è triste, i giocatori potrebbero anche chiedere lo stato di mora e svincolarsi anzitempo. Vedremo cosa accadrà. Di sicuro c’è che Ghirardi non ha pagato gli stipendi. In questi giorni, con ritardo, il bresciano cercherà di saldare il debito e di ripartire con le trattative  relative alla vendita delle quote, ma di certo lo farà con il morale sotto i piedi. Oggi 18 novembre il bonifico di un mese e mezzo di stipendi arriverà alle banche e sarà registrato.

fonte: parmatoday.it

SHARE