SHARE

10814247_10205125784402809_182604051_n

Una Roma concreta e poco spettacolare passa a Bergamo di misura e adesso attende il risultato della Juventus nel duello infinito in testa alla classifica. Tanta sofferenza per gli uomini di Garcia che grazie soprattutto alle giocate di Ljiaic nel primo tempo hanno ragione di un’Atalanta mai doma, uscita a testa alta tra gli applausi del suo caldissimo pubblico.

Grande intensità E gran ritmo quello del primo tempo, più da calcio inglese che italiano. L’Atalanta parte fortissimo e dopo 1′ è già in vantaggio; sulla fascia destra Raimondi “uccella” Cole e serve al centro Maxi Moralez che con un destro di prima intenzione fulmina De Sanctis incolpevole. Il grande inizio dei padroni di casa sorprende la Roma che rischia ancora di capitolare al 9′ quando De Sanctis perde palla in presa alta, e il successivo tentativo dell’accorrente Baselli si stampa sulla traversa. Il gran lavoro sulle fasce laterali è indubbiamnete la carta con cui Colantuono complica, e non poco, i piani dei giallorossi di Rudi Garcia. Che però reagiscono, e da grande squadra entrano pian piano in partita, senza più uscirne. E quando Pjanic fallisce per pochi centimetri il pari, l’appuntamento con il gol è solo rimandato di qualche minuto; al 22′ infatti è Lijaic (quarto centro in campionato) a inventarsi letteralmente l’1-1. Parte da sinistra, si accentra e con un preciso destro a giro buca Sportiello. A questo punto la partita cambia radicalmente, con l’Atalanta che accusa il colpo e arretra il proprio raggio d’azione ma ha un sussulto al 31′, quando ancora Maxi (il migliore dei suoi) contesta e soffia palla ad Astori, ma il suo invito basso per Denis viene sventato dalla retroguardia giallorossa. La Roma certifica la sua superiorità tecnica a tre minuti dal tramonto della prima frazione; Destro fa da sponda per Nainggolan che dopo una percussione centrale scarica per Ljiaic che rimette in mezzo proprio per il belga che firma il sorpasso romanista. Secondo gol in campionato per lui e sospiro di sollievo per Garcia che chiude in vantaggio il primo tempo di una gara complicata.

Secondo tempo di sofferenza Quello della Roma, che pronti via deve rinuciare a Torosidis, costretto a lasciare il campo per il riacutizzarsi di un problema muscolare; al suo posto il giovane Michele Somma, 19 anni, all’esordio assoluto tra i professionisti. L’Atalanta cerca di riprendere coraggio e, come a inizio partita, impone il suo ritmo alla Roma; senza tuttavia creare pericoli alla porta di De Sanctis, non permette ai giallorossi di trovare continuità nel gioco che diventano prevedibili. Garcia decide di proteggersi sulla fascia destra inserendo Florenzi per un pallido Iturbe, ma la mossa produce soltanto un pericoloso arretramento a ridosso dell’area di rigore. Al 20′ sugli sviluppi di una punizione dal limite dell’area, Stendardo in mischia non impatta bene e mette fuori ma è al 69′ che i nerazzurri sfiorano clamorosamente il pareggio; l’errore di De Rossi al limite dell’area libera Maxi Moralez che però spreca calciando al lato solo davanti a De Sanctis. Colantuono osa a un quarto d’ora dal termine, inserendo Boakye e Bianchi, cercando di dare ancora più peso all’attacco alla ricerca del pareggio, Garcia risponde con l’ennesimo centrocampista per un attaccante per gestire il prezioso vantaggio. Ma i minuti finali non producono occasioni da rete e la Roma può festeggiare il ritorno al successo in trasferta, proseguendo la rincorsa alla Juventus capolista.

 

TABELLINO

ATALANTA-ROMA 1-2

Marcatori: 1′ Maxi Moralez (A), 22′ Ljiaic (R), 42′ Nainggolan (R)

ATALANTA (4-3-2-1): Sportiello, Bellini, Stendardo, Cherubin, Dramè, Raimondi, Carmona, Baselli (69′ Grassi), Gomez (74′ Boakye), Moralez, Denis (74′ Bianchi). All. Colantuono

ROMA (4-3-3): De Sancits, Cole, Astori, Manolas, Torosidis (48′ Somma), Pjanic, De Rossi, Nainggolan, Iturbe (58′ Florenzi), Destro, Lijaic (81′ Keita). All. Garcia

AMMONITI: Nainggolan (R), Carmona (A), Moralez (A), Pjanic (R), Astori (R), Somma (R), Keita (R)

ESPULSI: Boakye (A)

SHARE