SHARE

handanovic

Non senza sofferenze, l’Inter batte 2-1 il Dnipro e si qualifica prima nel proprio girone con una giornata di anticipo e vola ai sedicesimi di Europa League. Dopo un pessimo inizio di partita, i nerazzurri vengono puntualmente puniti dagli ucraini che passano in vantaggio con Rotan. L’episodio che cambia il match però arriva dopo pochi minuti con Super-Handanovic che respinge il quarto rigore stagionale evitando il crollo dei suoi. Kuzmanovic nel primo tempo e Osvaldo nella ripresa firmano la rimonta nerazzurra, nonostante l’espulsione di Ranocchia dopo pochi secondi dall’inizio della ripresa.

DNIPRO A MILLE, SUPERHANDA – Fin dalle prima battute di match riscontriamo un approccio molto aggressivo del Dnipro, ottimo pressing degli ucraini che ostacolano molto bene l’impostazione dell’Inter, troppo lenta e prevedibile. Gli ucraini legittimano la buona partenza passando in vantaggio al 16’: ennesima palla persa dei nerazzurri in fase d’impostazione, in questo caso con Juan Jesus, sinistro secco dal limite dell’area di Konoplyanka, intervento a dir poco insicuro di Handanovic sul quale si avventa Rotan che anticipa lo stesso Jesus e porta i suoi avanti. Passano poco meno di 10 minuti e continuano i guai per i nerazzurri, Guarin in fase di ripiegamento sgambetta in area Cheberyachko provocando il calcio di rigore. Handanovic però si conferma per l’ennesima volta mostruoso dagli 11 mt, ipnotizza Konoplyanka e tuffandosi alla sua destra neutralizza la conclusione.

KUZMANOVIC DI GIUSTEZZA– Dopo aver rischiato clamorosamente di capitolare, l’Inter al 29’ trova la rete del pari: punizione dalla trequarti scodellata al centro da Hernanes, dopo una serie di batti e ribatti la palla arriva dalle parti di Kuzmanovic che con un piattone preciso la piazza all’angolino basso alla sinistra di Boyko. Prima di tornare negli spogliatoi i nerazzurri perdono Nagatomo, per lui una botta alla spalla destra che lo costringe ad uscire in favore di Campagnaro.

NERAZZURRI IN 10 MA AVANTI – Inizio schock di ripresa per i nerazzurri, dopo appena 30’ secondi perdono capitan Ranocchia per una quanto meno discutibile espulsione per doppia ammonizione, il centrale azzurro in palleggio non vede l’intervento di Rotan colpendolo sul ginocchio. Nonostante l’uomo in meno, al 50’ i nerazzurri passano in vantaggio: imbucata perfetta di Hernanes per il taglio di Osvaldo che dalla destra incrocia sul palo lungo e completa la rimonta dei suoi. Passano poco meno di 2 minuti e il Dnipro va vicinissimo alla rete del pareggio, Campagnaro pasticcia in area di rigore ma Handanovic con un intervento spaziale su Kalinic salva tutto. Nonostante l’uomo in meno, l’Inter riesce a difendersi meglio nella ripresa e a mantenere la rete di vantaggio.

Il Tabellino e le Pagelle

Inter-Dnipro 2-1 (16’ Rotan (D), 29’ Kuzmanovic (I), 50’ Osvaldo (I))

INTER (4-3-1-2): Handanovic 7,5, Nagatomo 6 (dal 37’) Campagnaro 5, Ranocchia 5,5, Juan Jesus 5,5, Dodò 6,5; Medel 6, Kuzmanovic 6,5, Guarin 5,5; Hernanes 6,5(dal 61’) Obi 6; Osvaldo 7, Icardi 6 (dal 55’) Andreolli 6,5.

DNIPRO (4-2-3-1): Boyko 6, Fedetskiy 5,5 (dal 70’) Matheus 5,5, Douglas 6,5, Mazuch 6 (dal 82′) Seleznyov sv, Vlad 5,5; Kravchenko 6,5 (dal 73′) Bruno Gama 5,5, Cheberyachko 6, Luchkevych 5,5, Rotan 7, Konoplyanka 5,5, Kalinic 5,5.

IL MIGLIORE Handanovic 7,5: Dopo l’intervento non impeccabile sul primo gol degli ucraini, sale assolutamente in cattedra fornendo una prestazione incredibile. Il quarto rigore neutralizzato in stagione cambia completamente la partita e apre la rimonta dei suoi. Nella ripresa è perfetto in tutte le uscite ma soprattutto è miracoloso in un intervento su Kalinic praticamente a meno di 5 metri dalla porta.

Il vantaggio del Dnipro con Ronat
https://www.youtube.com/watch?v=0hvUKsdAlVY

Il rigore parato da Handanovic
https://www.youtube.com/watch?v=J52g5VcltV4

La rete del pari di Kuzmanovic
https://www.youtube.com/watch?v=1HVSrmE1Gh0

Il vantaggio nerazzurro di Osvaldo
https://www.youtube.com/watch?v=HBxKh-FvC4o

SHARE