SHARE

(ANSA) – MILANO, 27 NOV – “La contestazione della Curva il giorno del mio addio? Non è stato un momento facile. C’erano 70mila spettatori, si ricorda solo quella frangia di tifosi. Ho detto le cose come stavano e ho capito che quello è stato un successo perché ha marcato una linea ancora più grossa tra me e quel tipo di calcio”.È l’analisi di Paolo Maldini sulla sua giornata d’addio al calcio,a 5 anni di distanza, da cui è riuscito a trarre un insegnamento per i 450 studenti delle superiori di Milano che lo ascoltavano.

SHARE