SHARE

ferrerosampdoria

L’ottima Sampdoria di questo avvio di stagione affronterà lunedì sera a Marassi il Napoli di Rafa Benitez nel Monday Night della 13/a giornata di Serie A. I blucerchiati sono ad un punto di distanza dagli azzurri e puntano al bottino pieno proprio per scavalcare i diretti rivali e portarsi al terzo posto in classifica utile per la qualificazione ai preliminari di Champions League. Sampdoria-Napoli, però non è solo lo scontro tra due squadre di vertice, bensì anche tra due dei presidenti più ‘coloriti’ della Serie A: Massimo Ferrero e Aurelio De Laurentiis. Proprio il numero uno della Samp ha parlato ai microfoni de ‘Il Mattino’, blindando anche il gioiello Manolo Gabbiadini: “Un refolo di vento nel calciomercato sembra una tempesta…I miei gioielli sono chiusi in cassaforte, noi vogliamo fortificare la società e la squadra. Più vinciamo e più diamo fastidio, siamo dei simpatici rompiscatole. Che casino avrebbero fatto gli altri per quattro rigori contro nelle ultime sei gare? Noi non alziamo la voce e rispettiamo tutti”.

FERRERO VS ADL – Ferrero ha poi proseguito concentrandosi sulla super sfida al Napoli del collega e amico De Laurentiis: “Lo aspetto a Genova. E voglio vincere. Quando si accetta un invito a cena mica ci si siede al tavolo per digiunare. Aurelio lo conosco da una vita. Lo stimo, gli voglio bene, è intelligente, intuitivo. Ho lavorato per il papà Luigi e ho conosciuto la mamma, purtroppo scomparsa qualche giorno fa. La famiglia De Laurentis mi ha dato tanto quando ero ragazzo. Certo, io avevo un carretto con le ruote sgonfie, Aurelio già la 500 cabrio, però lo dico senza invidia, con rispetto. Vincere e creare un modello Sampdoria sotto il cielo del fair play: quello economico e quello etico, in campo, fuori e sugli spalti. Siamo belli, bulli e giochiamo bene. Chi è più bello di noi vuol dire che usa il rimmel e il mascara.”

SHARE