SHARE

menez

Il Milan conquista tre punti dopo una partita dominata seppur contro un avversario sempre ostico. Il pressing asfissiante ed un super Menez sono le armi di Inzaghi per avere la meglio sui friulani mai così sottotono.

Rossoneri Champagne- Dopo i primi minuti di sbandamento in cui l’Udinese prova  a prendere l’iniziativa del gioco, il Milan diventa padrone del campo ed imperversa nella trequarti avversaria sfiorando più volte il gol. El Shaarawy è particolarmente ispirato e più di una volta riesce ad andare via a Piris, anche se i suoi cross vengono in qualche modo sempre respinti dalla difesa bianconera. Il gol rossonero sembrerebbe concretizzarsi su colpo di testa di Rami dopo un corner, ma la palla bloccata da Karnezis leggermente al di là della linea di porta viene considerata in gioco dall’arbitro ed il punteggio rimane sullo 0 a 0. Gli ospiti si fanno vedere con un tiro di Kone alto su servizio delizioso di Di Natale, ma poi è il Milan ad andare ancora vicino al gol. Ci prova due volte Menez, con un tiro al volo fuori di pochissimo ed un tap in mancato di poco, così come Honda, fermato da Karnezis e dalla leggera imprecisione del suo sinistro. Il primo tempo si conclude in parità, con l’Udinese completamente schiacciato e che può considerarsi fortunato ad aver mantenuto la propria porta imbattuta.

Menez show- Il secondo tempo inizia a ritmi bassi, ma basta poco per riprendere il ritmo che il match aveva nella prima frazione di gioco. L’Udinese ha poche idee e non riesce a superare la metà campo, mentre il Milan prova a scassinare la retroguardia bianconera con veloci combinazioni tra i tre attaccanti. Bonaventura sfiora la porta su punizione ma al 20′ avviene l’episodio che sblocca la partita. Su cross di Armero Honda controlla forse con un braccio, ma poi viene messo giù da Domizzi: l’arbitro indica il dischetto ed espelle il terzino friulano. Menez è freddo e spiazza Karnezis, portando finalmente i suoi in vantaggio. Basta poco però per riaprire la partita, con Essien che, già ammonito, sbraccia su Allan e viene a sua volta espulso. Proprio mentre l’Udinese inizia a riprendere coraggio è ancora Menez a chiudere i giochi, con una cavalcata solitaria conclusa con un destro che batte Karnezis. I rossoneri riescono quindi a conquistare tre punti meritati ritrovando sul finale anche Montolivo, mentre l’Udinese fa decisamente un passo indietro specialmente dal punto di vista del gioco.

Milan-Udinese 2-0 (20′ Menez rig., 30′ Menez)

Milan (4-3-3) Diego Lopez6; Bonera 6, Mexes 6, Rami 6.5, Armero 5.5; van Ginkel 6.5(Montolivo s.v.), Essien 5.5, Bonaventura 6.5; Honda 6.5 (Poli s.v), Menez 7.5 (Pazzini s.v.),El Shaarawy 7

Udinese (4-3-1-2) Karnezis 6; Piris 5, Heurtaux 5.5, Danilo 5, Domizzi 4.5; Badu 5.5, Guilherme  6 (Geijo s.v), Allan 5.5; Kone 5 (Fernandes 6) , Thereau 5.5, Di Natale 5.5(Pasquale 6).

IL MIGLIORE: Menez 7- Nel primo tempo più volte pericoloso, nel secondo decide la partita. Quando decide di giocare è davvero difficile fermarlo.

 

Il secondo gol di Menez:

SHARE