SHARE

Dall'Ara

Sfida tra vecchie glorie al Dall’Ara: Bologna-Bari significa prestigio e lusso per la Serie B. Squadre che vivono momenti decisamente diversi, con i padroni di casa in fiducia societaria dopo mesi di interrogativi e pugliesi che, con il cambio di guida tecnica, sperano in una svolta a lungo termine. Diego Lopez conferma l’11 visto contro lo Spezia, Nicola fa lo stesso con il suo Bari. Bellissimo gesto da segnalare da parte di entrambe le compagini: nel riscaldamento sono state indossate le divise di Klas Ingesson.

Si parte e la prima vera emozione di Bologna-Bari arriva al 17′: Laribi sbaglia però un vero e proprio rigore in movimento trovando l’opposizione di Donnarumma. Risponde il Bari qualche minuto dopo, con una grande occasione fallita da Caputo: l’attaccante cerca di finalizzare un’azione di contropiede con l’esterno, ma il gol non arriva. Match vivo ed equilibrato, entrambe le squadre danno l’impressione di poter segnare. A metà tempo il Bari perde Defendi, infortunatosi dopo un intervento falloso (punito col giallo) di Matuzalem: al suo posto Salviato. Per questo piccolo accorgimento il Bari finisce per aumentare addirittura la spinta offensiva: Galano ha una bella palla (non sfruttata) per il vantaggio, poi Coppola è super su una doppia conclusione ancora dello stesso Galano. Al 39′ chance per Acquafresca: l’ex Levante prova una conclusione al volo sulla quale Donnarumma si oppone alla grande. Il portiere del Bari, però, non può nulla (anzi, ha delle responsabilità) al 45′: il Bologna passa in vantaggio con Laribi, che da una ventina di metri buca le mani al portiere avversario per l’1-0 con cui si chiude un bel primo tempo.

Seconda frazione di Bologna-Bari che vede un aumento considerevole della pioggia al Dall’Ara. Anche per questo lo spettacolo arranca. In effetti, le occasioni tardano ad arrivare, anche se il Bari tiene bene il campo e la palla per cercare di pervenire al pareggio. Nicola prova a smuovere la gara con dei cambi: dentro Stevanovic e De Luca per Ligi e Sciaudone. Bari a trazione anteriore, ma è il Bologna ad avere l’occasione per il raddoppio con Acquafresca, che però spreca non trovando la porta su colpo di testa. Bologna di nuovo in controllo e mortifero in contropiede: Laribi prova a pungere ma il suo sinistro non ha fortunato. Il tentativo successivo, però, risulta molto più preciso: assist di Zuculini e 2-0 per Laribi, con doppietta personale. Bari con orgoglio: ci prova Stevanovic, Coppola è attento. Si fa vedere anche Cacia: l’ex Verona prova a sorprendere Donnarumma ma il suo tiro si spegne fuori. 4′ di recupero e Bologna in 10 nel finale: Oikonomou, già ammonito, stende Caputo e va sotto la doccia con qualche minuto di anticipo. Poi non succede più nulla e Bologna-Bari termina dunque 2-0: la squadra di Lopez è dunque al terzo posto da sola, in pienissima zona play off. Situazione clamorosa per il Bari che ha solo due punti di vantaggio sulla zona play out, e che ha bisogno di risalire quanto prima la china per poter tornare protagonista.

 

 

 

 

 

TABELLINO

FORMAZIONI
BOLOGNA (4-3-1-2): Coppola; Ceccarelli (67′ Garics), Maietta, Oikonomou, Morleo; Bessa, Matuzalem, Zuculini (87′ Casarini); Laribi; Acquafresca, Cacia. All. Lopez

BARI (3-5-2): Donnarumma; Camporese, Contini, Ligi (62′ Stevanovic); Sabelli, Donati, Sciaudone (62′ De Luca), Romizi, Defendi (31′ Salviato); Galano, Caputo. All. Nicola

AMMONITI: Oikonomou, Cacia, Matuzalem (BO) – Sciaudone, Caputo, Contini (BA)

ESPULSI: Oikonomou (BO)

MARCATORI: 45′ e 71′ Laribi (BO)

ARBITRO: Mariani

 

Claudio Agave 

SHARE