SHARE

_79497431_danny_welbeck_getty

Un gol di Alexis Sanchez all’89’ rilancia l’Arsenal che dà continuità alla vittoria sul Wba dello scorso weekend, superando 1-0 la sorpresa Southampton e rilanciando pesantemente le proprie ambizioni europee.

POCHE EMOZIONI– I Gunners provano subito a mettere pressione ai Saints e la prima occasione arriva già al 7’ con Welbeck che cerca un mancino da posizione defilata che termina di poco a lato. Sembra il prologo di un primo tempo ricco di emozioni, invece bisogna aspettare il 26’ per vedere un altro brivido. Protagonista Oxlade-Chamberlain che da centro area spara un destro che non impensierisce Forster. Chi di pensieri ne ha è Emiliano Martinez che deve guadagnarsi lo stipendio deviando un gran sinistro al volo di Pellè dal limite al 44’. Due minuti dopo, Welbeck mette alla prova anche i riflessi del portiere ospite con un colpo di testa a botta sicura, sul quale Forster si esalta e sui cui si chiude il primo tempo.

CI PENSA ALEXIS– Nella ripresa le emozioni non aumentano. Al 69’ ci prova Giroud, appena entrato, ci prova con un sinistro centrale. Un minuto dopo, il francese si inventa un gran filtrante per il solito Welbeck ma all’ex United manca ancora il killer instinct e spara di nuovo centrale. Allora all’87’ Giroud ci riprova in prima persona con un colpo di testa imperioso sul quale Forster è superlativo. E’ il preludio al gol che arriva puntuale all’89’. Ramsey libera in area alla grande Alexis Sanchez, per il cileno è un gioco da ragazzi prendere la mira e battere Forster da posizione favorevolissima. E’ il gol del vantaggio. Vantaggio che potrebbe anche aumentare nel finale. Prima Forster fa di nuovo il fenomeno su una splendida conclusione di Ramsey al 91’, poi un minuto dopo è Podolski a graziare i Saints spedendo a lato un’occasione ghiottissima. All’Arsenal, però, va bene così perché con questi tre punti torna a ridosso della zona Champions.

SHARE