SHARE

rp_cavani.jpg

Luca Campedelli, presidente del Chievo Verona, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport. Tra passato e presente, alcuni aneddoti di mercato e la consapevolezza di poter raggiungere la salvezza anche quest’anno:

CAVANI E DROGBA AL CHIEVO – “Potevo prendere Drogba con tre milioardi di lire, poi la Lazio doveva comprare Eriberto e Manfredini, s’è tirata indietro e non se n’è fatto nulla. Ibrahimovic era vicino al Verona, io potevo avere Cavani, vero rimpianto. Ma costava tanto, e nemmeno con il senno di poi lo avrei preso”. 

BRANCO DI LUPI – “Con Maran ci salviamo, aiuta la squadra a ritrovare il giusto spirito. Ho rivisto il branco di lupi alla ricerca del pallone, come con Delneri e Di Carlo. Lo dissi anche un anno fa che si saremmo salvati, non voglio essere sbruffone. Non sappiamo aspettare e se retrocedi ti affidi ai calciatori affermati. Ci vorrebbe un campionato primavera per gli under 21-22, e Tavecchio voleva dire sicuramente altre cose con quella frase sugli Opti Poba, è un lavoratore, porta la pace sociale”.

SHARE