SHARE

del-piero-sotto-il-fuoco-nemico-

I tifosi chiedono la sua presenza a gran voce, lui è spesso e volentieri relegato in panchina: quella di Del Piero in India è un’avventura che stenta a decollare, il numero 10 ex Juventus sta diventando un caso spinoso. Il mister Van Veldhoven: “Le aspettative su di lui erano troppo alte”.

I Delhi Dynamos stentano nella Superlega indiana, i tifosi non sono per niente felici dei risultati e vorrebbero la loro stella in campo: di diverso avviso l’allenatore olandese Van Veldhoven, che ha relegato Alessandro Del Piero in panchina nonostante il suo peso tecnico e mediatico. Dopo le prime esclusioni e gli stralci di partita giocati, le sostituzioni all’inizio del secondo tempo, le incomprensioni e le prestazioni non certo in linea con la carriera del fu 10 bianconero, i primi mugugni, perché stare in panchina è sempre un peso, a Torino come a Nuova Delhi.

Perché sto fuori? Chiedetelo al mister“, la risposta secca del campione trevigiano ai giornalisti indiani. La replica dell’olandese non ha tardato ad arrivare: “E’ difficile spiegare il perché, qui anche se molti pensano il contrario la competitività è molto alta. A volte credo che le aspettative su Alessandro fossero troppo alte, ma il mio rispetto per lui rimane invariato. E’ molto preparato tecnicamente e tatticamente, certe cosa non c’è neanche bisogno di spiegargliele. A volte occorre prendere decisioni difficili per il bene di tutti, il campionato è breve e devo mettere la squadra sempre nelle condizioni migliori“.

SHARE