SHARE

klopp

Il Borussia Dortmunt torna alla vittoria pur sprecando molto e tremando nel finale contro un Hoffenheim poco pungente nei 90′. Klopp nonostante tutto può essere contento dei suoi, in particolar modo della superba fase difensiva e di un ritrovato Gundogan.

Il ritorno di Gundogan- La prima fase della partita vede due squadre molto attente e particolarmente corte, dando vita a dieci minuti abbastanza confusi e concentrati a centrocampo. Non appena i padroni di casa capiscono che per avere la meglio è necessario allargare il gioco sugli esterni, la partita si vivacizza: il terzino sinistro Kim si fa trovare fuori posizione dopo un contrasto ed Aubameyang riesce comodamente ad andare via fino al fondo. Sul suo cross Baumann esce in maniera approssimativa e Gundogan insacca di testa a porta sguarnita. Gli ospiti soffrono particolarmente sugli esterni ed il Borussia sfonda di nuovo, stavolta sulla sinistra con Mkhitaryan: per fortuna dell’Hoffenheim Sule è attento e si salva in corner. Dopo alcuni minuti a tinte giallonere l’Hoffenheim riprende campo e la partita si fa rude: tanti falli a centrocampo e gli uomini di Gisdol che si rendono pericolosi solo con un tiro dalla distanza di Shipplock. Per il resto tante botte e poco calcio, ma il Borussia legittima il vantaggio e controlla il match senza mai rischiare più di tanto.

Tre punti col brivido- Dopo soli 10 secondi il Borussia prova ad autosabotarsi, con Piszczeck che abbatte Volland al limite dell’area. Per fortuna di Langerak Hummels indovina prima di lui la traiettoria della punizione e toglie di testa la palla dalla porta. Dopo la follia iniziale i gialloneri riprendono ad imporre il loro ritmo trascinati da un superbo Gundogan che prova la conclusione dalla distanza diverse volte ed è autore di giocate degne del suo reale valore. Nella ripresa inizia la particolare sfida tra Aubameyang e la porta dell’Hoffenheim: l’arbitro annulla ben due reti all’ex St. Etienne (di cui la prima per un fuorigioco inesistente) e, nell’unica occasione in cui l’arbitro gli concede il via, è il palo ad opporsi. Quando anche Mkhitaryan sembra potersi sbloccare dopo un dribbling ubriacante ecco lo spettro del pareggio che si avventa sul Borussia: Subotic mette giù Volland, ma l’arbitro non fa una piega e Klopp può tirare un sospiro di sollievo. L’assedio finale non ha successo ed i padroni di casa possono festeggiare il ritorno alla vittoria frutto principalmente di una fase difensiva finalmente perfetta.

Borussia Dortmund-Hoffenheim 1-0 (17′ Gundogan)

Borussia Dortmund (4-2-3-1) Langerak, Schmelzer, Hummels. Subotic, Piszczeck, Kehl, Bender, Aubameyang (Immobile), Mkhitaryan, Gundogan (Ginter), Ramos (Grosskreutz)

Heffenheim (4-2-3-1) Baumann, Kim, Sule, Bicakcic, Beck, Polanski, Schwegler (Salihovic), Volland, Firmino, Rudy (Elyounoussi), Schipplock (Modeste)

 Il gol di Gundogan:

SHARE