SHARE

willian

Al St. James’ Park di Newcastle si affrontano I bianconeri padroni di casa e la capolista Chelsea guidata in panchina da Josè Mourinho. Lo Special One schiera il solito 4-2-3-1, con Diego Costa terminale offensivo supportato dal trio tutta corsa e fantasia: Hazard-Oscar-Willian. Pardew si affida, invece, a Cabella e Perez per andare a caccia di punti utili per tornare nella corsa all’Europa League. I ‘Blues’, dal canto loro vogliono dare continuità alla vittoria ottenuta nel turno infrasettimanale per tenere a debita distanza un Manchester City ora e -6.

A RETI BIANCHE – Gara equilibrata sin dai primi istanti, con il Chelsea a dominare sul piano del possesso palla, esponendosi alle rare azioni di ripartenza del Newcastle, intento più a non prenderle. Al 10’ arriva il primo squilla da parte di Willian che stoppa e calcia dal limite dell’area, con il destro, sfiorando il palo della porta difesa da Elliot. Dal quarto d’ora i ‘Blues’, aumentano di molto la pressione andando al tiro, prima con Hazard senza fortuna e poi con Cahill di testa su sviluppi di corner senza trovare la porta. La retroguardia di casa continua a soffrire nella  fase centrale la grande velocità di Hazard e Willian, più volte bravi ad incunearsi nell’area di rigore avversaria, peccando però di precisione, come al 20’ quando il brasiliano, servito con i giri giusti dal belga, calcia di pochissimo a lato con il mancino a giro. Alla mezz’ora, proprio nel momento di maggiore affanno da parte dei ‘Magpies’, arriva la più grossa occasione del match, con Colback bravo ad inserirsi in area e a cercare il mancino, messo in angolo da un attento Courtois. Il finale offre solamente una conclusione per parte con Perez e ancora Willian protagonisti. Termina a reti bianche un primo tempo dominato dal Chelsea dal punto di vista territoriale, ma ben giocato anche dai padroni di casa bravi a non subire rete.

DOPPIO CISSE’ – Dagli spogliatoi esce un Newcastle decisamente diverso da quello dei primi 45 minuti, più deciso e propositivo in zona offensiva. Accade tutto in un minuto intorno al 56’, prima con la grande occasione capitata ad Obi Mikel che di testa spreca e poi con il gol dell’1-0 firmato dal neo entrato Papiss Cissè che sotto misura batte Courtois su cross mancino di Ameobi, letto male dalla retroguardia ospite. Mourinho subito dopo lo svantaggio mette in campo tutto il suo potenziale offensivo con Schurrle e Drogba chiamati a risollevare le sorti dei ‘Blues’, che nella fase centrale dominano sul piano del possesso, senza mai impensierire la retroguardia dei ‘Magpies’ attentissima in ogni situazione. Al 78’ va vicinissimo al pareggio il Chelsea con Hazard che servito al bacio da Ivanovic in area, calcia con il destro trovando la respinta del palo a portiere battuto. Sul capovolgimento di fronte i ‘Blues’ sono scoperti e Cissè trova la doppietta personale servito in area ancora da Ameobi: un gioco da ragazzi per il bomber di casa che serve il 2-0 per il Newcastle.

LA RIAPRE DROGBA – Succede di tutto negli ultimi 10 minuti: al 81’ viene espulso Taylor per doppia ammonizione, lasciando i bianconeri in inferiorità numerica. Sulla punizione che ne scaturisce, il Chelsea riapre la partita grazie al colpo di testa di Drogba che servito dalla pennellata di Fabregas, schiaccia in rete facendo 2-1. Negli ultimi minuti insistono gli ospiti, con il colpo di testa di Cahill e le conclusioni di Diego Costa che non trovano fortuna condannando gli uomini di Mourinho alla prima sconfitta stagionale. Si conferma tabù il Newcastle per lo Special One che anche questa volta cede il passo ai ‘Magpies’.

I GOL:

1-0 Cissè:

2-0 Cissè:

2-1 Drogba:

SHARE