SHARE

serie a-bttf4

Appuntamento settimanale di Back To The Future, la nostra prospettiva sul futuro della Serie A alla luce degli ultimi risultati di lunedì sera. Classifica che si sta via via componendo a fronte di alcuni punteggi totalmente ribaltati rispetto alla scorsa stagione, con le due genovesi che stanno facendo decisamente bene e le due milanesi sono in controtendenza. Ecco il focus completo sulla 14° giornata di Serie A.

BACK TO THE FUTURE REGOLE STESURA Si parte dai dati del 2013/14, ovvero dalla classifica dello scorso anno di Serie A, prendendo in considerazione le squadre che, ovviamente, non sono retrocesse, motivo per cui questa indagine non potrà prendere in considerazione il potenziale andamento di Empoli, Cesena e Palermo, non esimendosi però dal dimenticarsi i punti messi in campo contro le altre squadre, cioè i risultati di queste 3 saranno comunque conteggiati successivamente. Andiamo passo, passo:

1 – Raccolta dati: classifica Serie A stagione 2013/14.

2 – Sostituzione delle partite dell’anno scorso con quelle già giocate finora con risultati di punti in valore assoluto (Esempio: Fiorentina-Inter 2013/14 3 punti Inter, Fiorentina-Inter 2014/15 3 punti Fiorentina –> +3 Fiorentina -3 Inter nella nostra statistica) che saranno addizionati al punteggio finale ottenuto in classifica l’annata precedente.

3 – Rimozione di tutti i punti fatti contro le squadre retrocesse rispetto all’anno prima (Si sommano i punti ottenuti nelle 6 partite giocate contro Catania, Livorno e Bologna).

4 – Aggiunta dei punti ottenuti negli incontri già giocati contro le squadre neopromosse (ovvero i punti che sono stati fatti finora, se già giocato, contro Empoli, Cesena e Palermo).

5 – Shakerare, agitare bene et voilà, il gioco è fatto.

serie a-bttf41

CONSIDERAZIONI BACK TO THE FUTURE 4 Serie A che regala sorprese, come già largamente definito negli ultimi giorni da tutti o quasi i media sportivi. Sugli scudi le due genovesi, Sampdoria e Genoa, sommati i punti “migliorati” dalle due rappresentanti del capoluogo ligure (+15 Genoa e +7 Sampdoria) si ottiene un risultato che sorpassa di ben due punti l’attuale punteggio in classifica del Milan di Inzaghi, superiore di ben 5 lunghezze quello dei nerazzurri di Mancini, il che già ci potrebbe far ben capire quanto terreno abbiano macinato i doriani e il Grifone fino ad ora. Napoli che viene stoppato nuovamente da una neo promossa, dopo il Palermo capace di realizzare ben 3 gol in casa degli uomini di Benitez, è l’Empoli a sfiorare l’impresa, mettendo a repentaglio il conteggio contro le squadre provenienti dalla B: l’anno scorso i partenopei conquistarono 14 punti contro le formazioni poi costrette a scendere di categoria, d’ora in poi non si ammetteranno errori dalla banda di De Laurentiis negli scontri con Palermo, Cesena e Empoli, onde vedere la propria posizione (proiezione sempre di 3° posto) in pericolo. Salgono nei conteggi Udinese e Lazio, entrambe indiziate per essere dei clienti decisamente scomodi per lunga buona parte del campionato, con i biancocelesti che, nel caso trovassero la giusta quadratura, potrebbero ambire ad una buona posizione di classifica, senza contare l’eventuale ripiegamento sulla coppa nazionale. Scendono pesantemente Parma e Verona, incapaci di ripetere la buona stagione dello scorso anno di Serie A, entrambe navigano a vista nel mare delle papabili per la salvezza, con la formazione dei ducali ultima in classifica ufficiale sempre a -5 dalla terz’ultima. Inizia ad evidenziarsi un certo margine tra il gruppo composto da Fiorentina, Genoa e Inter rispetto a Milan, Lazio e tutte le altre, appena 4 punti, con i nerazzurri che potrebbero finire a breve risucchiati dalla parte bassa della classifica, soprattutto se i risultati non cambieranno. Davanti nulla di fatto: sempre Juventus e Roma a contendersi la palma del migliore, chiara comunque come la squadra di Allegri esca rinforzata dalle ultime prove offerte rispetto ai giallorossi.

 

BACK TO THE FUTURE #3

BACK TO THE FUTURE #2

BACK TO THE FUTURE #1

Stefano Mastini

SHARE