SHARE

C’è anche un pezzo di viola nella classifica dei gol più belli della storia dell’UEFA. Il più importante organo amministrativo del calcio europeo, infatti, ha stabilito le 10 reti più belle della sua storia tramite un sondaggio, votato da oltre 2 milioni di persone. Tra queste figura la splendida rovesciata da fuori area con cui il fiorentino Mauro Bressan annichilì il Barcellona nella fase a gironi della Champions 1999-2000. Una perla vera e propria, inattesa quanto difficile, che valse all’ex centrocampista la standing ovation dell’Artemio Franchi. Il nome di Brassan si va ad affiancare a quello di veri e propri mostri sacri del pallone, come si legge sul sito Uefa.com.

Per festeggiare i 60 anni della UEFA abbiamo chiesto ai lettori di dare un voto ai 60 gol proposti, realizzati nelle competizioni europee per club e per nazionali. Dopo aver raccolto oltre 2 milioni di voti, possiamo finalmente annunciare la classifica dei 10 gol più votati, che in ordine cronologico sono:

Marco van Basten, 25/06/1988, Unione Sovietica – Olanda, finale di EURO ’88
Mauro Bressan, 02/11/1999, ACF Fiorentina – FC Barcelona, fase a gironi di UEFA Champions League
Zinédine Zidane, 15/05/2002 Real Madrid CF – Bayer 04 Leverkusen, finale di UEFA Champions League
Rui Costa, 24/06/2004, Portogallo – Inghilterra, quarti di finale di UEFA EURO 2004
Peter Crouch, 27/09/2006, Liverpool FC – Galatasaray AŞ, fase a gironi di UEFA Champions League
Cristiano Ronaldo, 15/04/2009, FC Porto – Manchester United FC, quarti di finale di UEFA Champions League
Dejan Stanković, 05/04/2011, FC Internazionale Milano – FC Schalke 04, quarti di finale di UEFA Champions League
Radamel Falcao, 09/05/2012, Club Atlético de Madrid – Athletic Club, finale di UEFA Europa League
Samuel Umtiti,14/02/2013, Tottenham Hotspur FC – Olympique Lyonnais, sedicesimi di finale di UEFA Europa League
Zlatan Ibrahimović, 23/10/2013, RSC Anderlecht – Paris Saint-Germain FC, fase a gironi di UEFA Champions League

La prodezza di Bressan, rivista a 15 anni di distanza, desta sempre un certo stupore:

SHARE