SHARE

Tacchetti in fuga

L’emigrazione è il fenomeno sociale che porta un singolo individuo o un gruppo di persone a spostarsi dal proprio luogo originario verso un altro luogo. Tale fenomeno può essere legato a cause ambientali, economiche e sociali, spesso tra loro intrecciate (Wikipedia). Il popolo italiano ha sempre interpretato al meglio la definizione di emigrazione, infatti al giorno d’oggi è praticamente scontato trovare dei nostri connazionali in territorio straniero. Negli ultimi anni però il fenomeno si è allargato rapidamente toccando anche il mondo del calcio. Solo una decina d’anni fa sembrava difficile per i giocatori italiani lasciare la Serie A e il campionato più importante al mondo, ma il tempo ha mutato tante cose. Il nostro campionato è andato via via perdendo di qualità e ricchezza economica favorendo l’emigrazione dei talenti nostrani verso nuovi lidi, più importanti o con possibilità di maggiori guadagni rispetto a Serie A, Serie B e Lega Pro. Il fenomeno negli ultimi anni si è esteso a macchia d’olio, creando delle vere e proprie colonie di calciatori italiani all’estero.

Ecco l’andamento settimanale dei connazionali più famosi, prima della sosta:

PELLE’ – Torna al gol Graziano Pellè (con una girata sottomisura), torna alla vittoria il Southampton uscendo dal lungo periodo di crisi che ha visto i ‘Saints’ collezionare 4 sconfitte consecutive in Premier e una ad inizio settimana contro lo Sheffield Utd., che è costata agli uomini di Koeman il passaggio del turno in coppa di lega. Nel weekend i biancorossi trascinati dal bomber italiano, autore dell’ottava perla in campionato, hanno battuto per 3-0 l’Everton, piazzandosi nuovamente a ridosso della zona Champions League.

IMMOBILE Settimana ancora una volta difficile per il Borussia Dortmund di Ciro Immobile che si divide nel doppio impegno di campionato. Grande prestazione del numero 9 italiano nel turno infrasettimanale contro il Wolsfburg, condita dall’assist per il momentaneo vantaggio giallo nero e dal bel gol personale a metà ripresa. Gara terminata poi 2-2 con il pareggio finale dei bianco verdi. Molto peggio sabato quando gli uomini di Jurgen Klopp hanno perso per 2-1 in casa della diretta rivale Werder Brema che condanna Immobile &co all’ultimo posto in Bundesliga.

BALOTELLI – Settimana di riposo per l’ex milanista, neanche presente in panchina nel match vinto dal Liverpool in coppa di lega contro il Bournemouth per 3-1, e squalificato in Premier League per la gara pareggiata in extremis dai ‘Reds’ contro l’Arsenal, a causa di una foto ritenuta a stampo razzista pubblicata sul suo profilo Instagram.

VERRATTI E SIRIGU – 2 gare anche per il PSG, che vince in rimonta 3-1 in coppa di Francia, senza l’apporto di Verratti e Sirigu, entrambi risparmiati per le partite di campionato. Deludente il regista abruzzese nella gara pareggiata in Ligue 1 per 0-0 in casa contro il Montpellier, che ha visto, invece, un Sirigu sempre attento nelle poche occasioni nelle quali è stato impegnato. I parigini scivolano così a -3 dalla vetta occupata dal Marsiglia.

CERCI – Escluso anche dalla panchina nel pareggio per 2-2 in copa del Rey contro l’Hospitalet.

RAGGI – L’ex difensore di Empoli e Bologna è diventato praticamente inamovibile dalla retroguardia del Monaco, che in settimana ha vinto ai calci di rigore contro l’OL passando il turno di coppa di Francia. 120 minuti per il difensore italiano che nel weekend si è ripetuto giocando l’intera gara vinta sul campo del Metz. 4 successi consecutivi per i monegaschi che si piazzano al quinto posto in Ligue 1 al giro di boa.

BORINI 7 giorni più brutti del solito per l’ex romanista che di norma non è nei piani di Brendan Rodgers. Prima gioca il ‘tempo spazzatura’ nel successo in coppa di lega e poi entra a 25 dal termine contro l’Arsenal in Premier League per risollevare le sorti della gara. Borini a quel punto decide di travestirsi da Balotelli e si fa espellere a ridosso del novantesimo per due gialli collezionati in due minuti.

CRISTANTE – Torna come di consueto titolare in Taca de Portugal, non offrendo una gran prova nel ko del Benfica contro il Braga per 2-1, nel quale l’ex primavera rossonero è stato anche sostituito ad un quarto d’ora dal termine.

DONATI – Ancora out causa infortunio, guarda dal divano di casa il suo Bayer Leverkusen collezionare 4 punti nel doppio impegno  di campionato che proietta così le aspirine al terzo posto solitario in classifica.

CALDIROLA – Espulso per doppia ammonizione nel tracollo del Werder Brema in casa del Borussia Moenchengladbach per 4-1 nel turno infrasettimanale. Squalificato salta il successo dei ‘verdi’ tra le mura amiche contro il Dortmund di Immobile.

PIOVACCARI – Timbra il cartellino su calcio di rigore, ma inutilmente in Copa del Rey contro il Getafe nel match perso per 2-1 in casa, che ha condannato il piccolo Eibar all’eliminazione. Altro giro, altra sconfitta in Liga contro il Valencia, nella quale l’ex Steaua ha giocato 90 minuti rimediando anche un cartellino giallo a tempo scaduto.

CRISCITO – Campionato ferma per la sosta invernale.

ITALIAN LEEDS – Non va meglio agli italiani d’Inghilterra che con il Leeds Utd. Pareggiano in trasferta con il Nottingham, 1-1. 90 minuti per Silvestri e Bianchi, mentre prestazione non esaltante per il bomber Antenucci sostituito a 5 minuti dalla fine. Leeds solo diciottesimo in classifica.

NAPOLEONI – La palma di sorpresa della settimana va assegnata a Stefano Napoleoni, centrocampista dell’Atromitos, scuola Tor di Quinto, e formatosi calcisticamente all’estero. Il centrocampista italiano ha realizzato una doppietta nel pareggio in trasferta, sul campo del Panionios per 2-2.

MATERAZZI E NESTA – Chiusura per i ‘nonnetti’ del gruppo, le vecchie glorie, Alessandro Nesta e Marco Materazzi entrambi militanti in India. Gara dai due volti per gli ex difensori dell’Italia campione del mondo: ribaltano la situazione nei regolamentari vincendo per 3-0 il ritorno della semifinale playoff contro i Kerala Blasters, portando così la gara ai supplementari. Nei 30 minuti addizionali, l’ex difensore nerazzurro si fa espellere per doppia ammonizione nel giro di un minuto lasciando il Chennaiyin in balia degli avversari abili a segnare il gol del 3-1 che elimina i padroni di casa. Durante il match circa un’ora per Nesta, mentre l’allenatore/giocatore Materazzi ha sbagliato anche un calcio di rigore al 50’ condendo una serata storta.

SHARE