SHARE

lavezzi cavani benitez

La rottura di Ezequiel Lavezzi con il PSG è ormai insanabile, come dimostra la rinuncia del giocatore argentino a presentarsi agli allenamenti dopo le festività natalizie. La frattura, che era ormai nell’aria, ha allertato diverse squadre del panorama europeo, pronte a sfruttare la cosa per accaparrarsi l’ex giocatore del Napoli: Liverpool ed Inter sono già alla porta dello Sceicco Al Khelaifi, ma sembra che anche l’ex squadra del Pocho si stia interessando ad un possibile rientro alla base del pupillo della tifoseria partenopea. C’è qualche fondo di verità o sono soltanto voci? Secondo noi l’affare è molto difficile se non addirittura improbabile e vi spieghiamo il perché.

Troppi assi nel mazzo- Il primo motivo che allontana il Pocho da Napoli è puramente tecnico. Il reparto offensivo degli azzurri è forse la zona del campo che urge meno di rinforzi dal mercato e, come sembra dagli ultimi aggiornamenti, pare che l’innesto di Gabbiadini sia in dirittura d’arrivo. Con il giocatore della Samp l’attacco del Napoli avrebbe due giocatori per ruolo(includendo l’infortunato Insigne) con in più anche Michu, da contare come jolly. L’arrivo di un giocatore “pesante” come Lavezzi creerebbe diversi problemi sia numerici che puramente tecnici, rendendo difficili le scelte di Benitez e alimentando diversi scontenti in uno spogliatoio che sembra ormai aver raggiunto il suo equilibrio. Vale la pena far saltare il banco  quando tecnicamente i giocatori attualmente in rosa (o in arrivo) sono più che validi?

Spending Review- La condizione economica del Napoli è pressoché la stessa rispetto a quando il Pocho è stato ceduto al PSG per 30 milioni, o meglio, uguale è rimasta la filosofia sugli acquisti e gli stipendi. L’ingaggio percepito a Parigi è lontano anni luce da quanto i partenopei sono disposti ad investire per un giocatore della sua età e, pur considerando l’affetto reciproco che lega le sue parti, al momento la società è indirizzata verso una strategia atta a puntare sui giovani e su un determinato range economico da non sforare. Difficile pensare che, nonostante un atto di cuore di Lavezzi nel ridursi lo stipendio e della società nell’acquistare un giocatore trentenne, i due ostacoli possano essere aggirati soltanto in nome di una vecchia amicizia.

In sostanza, seppure la trattativa diventasse calda e Lavezzi fosse disposto a fare un passo indietro dal punto di vista economico, le possibilità di rivederlo in azzurro sarebbero davvero rare a causa di una strategia e di alcuni parametri ben precisi della società che vedrebbero l’acquisto del Pocho fuori dagli schemi. L’amore della piazza per il giocatore potrebbe anche far si che un’ eccezione possa esistere, ma a ciò corrisponderebbe necessariamente la cessione di un big (ad esempio Callejon) o la rinuncia ad un affare già ben avviato come Gabbiadini, soluzioni che al momento sembrano alquanto remote.

SHARE