SHARE

ancelotti

Lunga intervista di Ancelotti concessa a Tuttosport in cui l’allenatore del Real Madrid tocca diversi punti, dalla Champions League alla rivalità fra Juventus e Roma, pensando al sogno dell’undicesima.

Dopo aver conquistato 4 trofei in un anno solare (record assoluto nella storia del Real Madrid) Carlo Ancelotti prepara un 2015 al massimo per il suo Real: “Vincere l’undicesima sarebbe un sogno, saremmo i primi a vincere la Champions per due anni di fila da quando è cambiato format. Abbiamo la miglior rosa del mondo e il dovere di provare a vincere tutte le competizioni a cui partecipiamo: è un dovere del Real, con la sua storia e il suo prestigio. Questo è il madridismo“, racconta Carletto, già blanco nel midollo, che ha imparato a toccare corde a cui due mostri sacri come Mourinho e Capello non erano mai arrivati.

Spazio nell’intervista dedicato anche alla Juventus, affrontata nel girone lo scorso anno: “E’ una grande squadra: l’anno scorso se la sono giocata con noi sia all’andata che al ritorno. Se i giovani faranno tesoro delle esperienze passate possono puntare alla vittoria finale: la spina dorsale è fatta di gente esperta, che sa vincere, se i giovani fanno il salto di qualità possono giocarsela con noi, il Bayern e il Chelsea“, altra stoccata ai “cugini” blaugrana?

Uno sguardo al campionato italiano e alla sfida persa contro il Milan: “Fra Juventus e Roma mi auguro che vinca il migliore, sono legatissimo ad entrambe le squadre. La sconfitta col Milan? E’ stata indolore, ci serviva una partita del genere per prepararci alla sfida col Valencia: fisicamente ci siamo, il Milan ha giocato bene e noi no“.

SHARE