SHARE

bttf-8-serie a-cuadrado

Appuntamento settimanale di Back To The Future, la nostra prospettiva sul futuro della Serie A alla luce degli ultimi risultati di ieri sera. Classifica che si sta via via componendo a fronte di alcuni punteggi totalmente ribaltati rispetto alla scorsa stagione, con le due genovesi che stanno facendo decisamente bene e le due milanesi in controtendenza. Ecco il focus completo sulla 18° giornata di Serie A. L’attuale classifica è uno specchio della Serie A attuale, non bisogna lasciarsi ingannare dai risultati a “viaggio in corso”, cerchiamo di guardare alla totalità del campionato con occhio critico, anche perchè le partite per se stesse possono risentire di fatti casuali capaci di far passare brutte settimane ai tifosi/allenatori delle varie squadre.

BACK TO THE FUTURE REGOLE STESURA Si parte dai dati del 2013/14, ovvero dalla classifica dello scorso anno di Serie A, prendendo in considerazione le squadre che, ovviamente, non sono retrocesse, motivo per cui questa indagine non potrà prendere in considerazione il potenziale andamento di Empoli, Cesena e Palermo, non esimendosi però dal dimenticarsi i punti messi in campo contro le altre squadre, cioè i risultati di queste 3 saranno comunque conteggiati successivamente. Andiamo passo, passo:

1 – Raccolta dati: classifica Serie A stagione 2013/14.

2 – Sostituzione delle partite dell’anno scorso con quelle già giocate finora con risultati di punti in valore assoluto (Esempio: Fiorentina-Inter 2013/14 3 punti Inter, Fiorentina-Inter 2014/15 3 punti Fiorentina –> +3 Fiorentina -3 Inter nella nostra statistica) che saranno addizionati al punteggio finale ottenuto in classifica l’annata precedente.

3 – Rimozione di tutti i punti fatti contro le squadre retrocesse rispetto all’anno prima (Si sommano i punti ottenuti nelle 6 partite giocate contro Catania, Livorno e Bologna).

4 – Aggiunta dei punti ottenuti negli incontri già giocati contro le squadre neopromosse (ovvero i punti che sono stati fatti finora, se già giocato, contro Empoli, Cesena e Palermo).

5 – Shakerare, agitare bene et voilà, il gioco è fatto.

bttf-8-serie a

CONSIDERAZIONI SERIE A Per una Juventus che scappa a Napoli c’è una Roma che si salva dopo aver subito il dopppio vantaggio biancoceleste. Il punto conquistato dai giallorossi non può non far sorridere alla luce della modalità con cui è avvenuto, è però doveroso pensare alla 18° giornata di Serie A come ad un’occasione persa per la formazione di Rudi Garcia quanto ad una chance sfruttata decisamente dagli uomini di Allegri. Nessun dubbio sulla leadership della Vecchia Signora, nella nostra proiezione addirittura prima con ben 13 punti di vantaggio finali, statistica che prevede il grande cammino della Serie A 2013/14, verosimilmente i bianconeri rimetteranno in circolo qualche punto come fatto vedere nelle ultime settimane, anche se da questo punto di vista la stessa Roma è riuscita in tale impresa perdendo punti importanti durante il proprio cammino.

E’ bagarre Champions League, il terzo posto rimane il più appetito per quanto riguarda fama e denaro, il Napoli è la squadra più accreditata per bissare il risultato dello scorso anno, sebbene gli uomini di Benitez siano attualmente 4°. I partenopei sono solo ad un punto di distanza dalla Lazio di Pioli che molto bene sta facendo in questo periodo dell’anno ma che nella nostra proiezione rimane ancora indietro, facendo registrare un miglioramento nelle medesime sfide dell’anno passato (appena 2 punti in più), lasciando qualche lunghezza per strada contro le neopromosse. Difficile dire dove possano arrivare i capitolini, il fatto di avere un solo impegno li potrebbe avvantaggiare anche se la Tim Cup alle porte potrebbe rappresentare uno spreco di energie. Fiorentina che ritorna a bussare ai posti che contano, l’attuale 6° piazza viola, proprio dietro alla Sampdoria, è un posto al sole con vista Europa, in tal senso non può non esserci grandissimo rimpianto per i punti persi contro Parma e l’Empoli, circa 5 lunghezze (in caso di doppia vittoria), che avrebbero potuto significare 3° posto in solitaria, alla luce poi del prossimo impegno del Napoli proprio contro la Lazio all’Olimpico. La nostra proiezione da credito alle chance di Montella e dei suoi, sono i gigliati a tenersi la 4° posizione finale con un distacco di 6 lunghezze dal 3° posto.

Salgono Inter e Sampdoria, entrambe formazioni che devono darsi da fare e non poco per raggiungere obbiettivi diversi, se è vero che i nerazzurri devono puntare in alto, alla luce dei movimenti di mercato fatti, i liguri hanno dalla loro la voglia di continuare a stupire. La squadra di Mancini dovrà comunque fare un grandissimo girone di ritorno per poter mettere in difficoltà le altre concorrenti senza poi perdere troppi punti contro le neopromosse, il che significherebbe 3 vittorie rispettivamente contro Palermo, Empoli e Cesena onde evitare di vedere il trend dell’anno passato finire in passivo attuale. Sampdoria con ben 6 punti in più rispetto al cammino in Serie A 2013/14, continuare la scalata non sarà facile è comunque scontato come Sinisa spingerà i suoi almeno a provarci. Perde contatto con la parte alta della classifica il Genoa che dopo un avvio strepitoso, condito da risultati importanti (bollini verdi per noi), sta ritornando a seguire i risultati della scorsa annata, il che si traduce attualmente in un vero e proprio stallo, fisiologico, di classifica.

Milan in fase calante, dopo un buon ritorno di verve nel mese di dicembre la formazione di Inzaghi si è arenata ancora, già in passato avevamo concesso il beneficio del dubbio ai rossoneri, indicando come i risultati scorsi fossero solo un palliativo su cui costruire il futuro e non dietro ai quali trincerarsi, dopo qualche settimana di tempo possiamo dire di aver avuto ragione, la proiezione del Diavolo in Back To The Future è peggiorata e, al momento, si parlerebbe ancora di Serie A fallimentare per il Milan. In coda il Parma e il Cesena formano una coppia decisamente “sui generis”, il fatto che il Cagliari sia riuscito ad invertire il proprio trend salendo a 15 punti in classifica rende la lotta per la retrocessione decisamente suggestiva, il Chievo, secondo la nostra proiezione, potrebbe essere il maggiore indiziato a finire invischiato nella lotta per non retrocedere, anche se la stessa Atalanta o l’Empoli non distano poi tanto dal terzultimo posto. Verosimilmente, la soglia salvezza si aggirerà a fine campionato intorno ai 32/33 punti, anche se potrebbe rialzarsi nel caso in cui Cesena e Parma continuino a non fare punti come visto finora. 

BACK TO THE FUTURE #7

BACK TO THE FUTURE #6

BACK TO THE FUTURE #5

BACK TO THE FUTURE #4 

BACK TO THE FUTURE #3

BACK TO THE FUTURE #2

BACK TO THE FUTURE #1

Stefano Mastini

SHARE