SHARE

Lotito

Claudio Lotito, sponsor principale di Tavecchio come presidente della Figc, è stato intervistato da Il Mattino in vista della sfida Lazio-Napoli. Impossibile non parlare con lui della reazione della società partenopea dopo la partita giocata domenica sera contro la Juventus. Ecco quanto dichiarato dal presidente dei biancocelesti:

Aurelio non mi è piaciuto. Io sono abituato ad affrontare i problemi nelle sedi istituzionali perché quelli sono i posti giusti per sollevare le questioni. Non condivido il modo che ha scelto, perché tanto non porta a nulla. Anzi penso che questo sia la maniera più semplice per destabilizzazione e gettare discredito all’intero sistema. Il che non fa bene a nessuno, soprattutto quando si fa parte del sistema. Fuorigioco? Certo che lo è. C’è stato un errore, è evidente, dell’arbitro e del guardalinee. Ma gli uomini sono fallaci, sbagliare fa parte di noi. Con le sue parole nel dopo partita non mi pare che abbia cambiato il risultato finale. E allora, che senso ha? Noi tutti dobbiamo avere fiducia nelle istituzioni e non mettere sempre tutto in discussione. Ma fare in modo che gli errori non si ripetano, le idee camminano sulle gambe delle persone. Ed è arrivato il momento che gli arbitri abbiano un supporto tecnologico in campo, per poter essere più sereni nelle decisioni e nelle valutazioni. In questa maniera si evita una certa dietrologia che è poi sempre sbagliata”.

SHARE