SHARE

benitez habla

Rafa Benitez è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Udinese, ottavi di finale di Coppa Italia in programma domani sera alle 21. Ecco quanto dichiarato dal tecnico spagnolo:

CONDIZIONE“Tante volte ho detto che la rosa sta bene, abbiamo visto i dati fisici e credo che il girone di ritorno sarà positivo perché stanno tutti molto bene”.

COPPA ITALIA“Siamo campioni del trofeo e dobbiamo fare tutto al meglio. Abbiamo vinto un titolo importante e dobbiamo riprovarci, quando hai assaggiato la voglia di vincere e di essere campione sei agevolato. Dobbiamo sfruttare la rosa e impiegare giocatori che finora hanno giocato poco, ma affrontiamo la partita con l’idea di vincere al 100%. Competizione antisportiva come detto da Sarri? Per me vincere un torneo è sempre positivo, la Coppa Italia per noi è importante, devo provare a vincere la nostra partita e basta. Struttura? Ho visto la Coppa in Spagna e ora si gioca andata e ritorno, per dare un po’ di valore i campioni dovrebbero giocare in Europa per dare valore al titolo e poi effettuare il sorteggio come in Inghilterra senza partite prefissate in casa o in trasferta, sia per dare più senso sia per animare un po’ la competizione”

GABBIADINI E ZAPATA “Se non avrà nessun problema, Gabbiadini dovrebbe esordire. Zapata ha la possibilità di giocare, se non faccio cambi e giocano sempre gli stessi giocatori è difficile mantenere la competizione nella rosa. Devono dimostrare tutti il proprio livello in campo. Se il risultato è buono sono un fenomeno, se va male ho sbagliato”

RENDIMENTO IN CASA“Abbiamo dimostrato lo scorso anno e qualche partita quest’anno che quando vuole la squadra gioca bene. Preferisco giocare al San Paolo e se analizziamo alcune partite, è normale che si poteva vincere. L’unico modo per cambiare le cose è farle meglio, più concentrazione in casa per migliorare il rendimento”.

FASE DIFENSIVA“Abbiamo giocato con lo stesso modulo contro la Lazio, però ora viene detto che è più italiano. Dobbiamo dare merito ai biancocelesti che hanno fatto una partita intensa, ma dare merito a noi perché abbiamo lavorato bene e fatto tante ripartenze non sfruttate. La fase difensiva è stata perfetta, mentre le ripartenze non sono state fatte al meglio per questo è apparsa come una partita difensiva. Dipende anche dai calciatori, bisogna capire il calcio. Abbiamo giocare tre partite con David Lopez e Gargano e la squadra aveva equilibrio ma sono soddisfatto anche di Inler e Jorginho perché la squadra ha più palleggio. E’ logico che utilizzare la prima coppia o la seconda, cambia il modo di giocare della squadra. Non è il modulo, i giocatori possono fare la differenza in qualsiasi modo. David sta migliorando molto, ha capito il tempo dell’inserimento e ha una parte del gioco che può migliorare”.

SECONDO POSTO“Mai dire mai. Bisogna essere realisti, una partita alla volta. Ora tocca affrontare l’Udinese e poi si parlerà del Genoa. Ogni settimana cambia tanto, bisogna avere equilibrio perché mancano 19 partite e ho tanta fiducia nella rosa per fare una seconda parte di campionato al meglio”.

STRINIC“Stiamo parlando con lo staff. Guardando il suo atteggiamento contro la Lazio e negli allenamenti sembra stia davvero bene. Può giocare domani, dipende dall’intensità della partita. Mi sembra che lui sappia gestirsi durante i 90 minuti. Vedremo. E’ un po’ presto, ha fatto una buona partita e ha capito benissimo come lavorare anche nel secondo tempo, aiutando anche Koulibaly. Lui sa gestire la palla, il momento, farà sicuramente degli errori come tutti i calciatori ma si adatta perfettamente a quello che vogliamo noi”.

MICHU E ZUNIGA – Camilo e Insigne stanno lavorando qui, ora vedremo come lavoreranno con la palla. Michu questa settimana dovrebbe rientrare, è tutto sotto controllo e sta facendo un lavoro specifico”

INLER“E’ un esempio come professionista. La crescita di David Lopez e Gargano l’ha messo in difficoltà soprattutto quando si gioca una partita a settimana. Lui sarà un giocatore importante per noi, non ci sono problemi”.

DE GUZMAN“Pian piano è al livello che conosciamo. Ha un buon passo e cambiarlo quando gioca sulla fascia. E’ un giocatore importante perché ti dà la possibilità di farlo giocare in più ruoli. Il modulo non è così importante, ma la possibilità che giocatori possano ricoprire diversi ruoli è importante anche per il futuro della società“

GARGANO – “Un esempio di calciatore professionista. Capitano? Non so dipende da tanti fattori, se dobbiamo decidere un terzo capitano dopo Marek e Christian, non abbiamo nessun problema a proporre Gargano. In campo dimostra il suo livello ed ha l’atteggiamento giusto e la sua voglia di vincere sempre”

UDINESE – “Di Natale è un giocatore spettacolare. L’atteggiamento nostro sarà sempre lo stesso, voglia di vincere e arrivare alla vittoria finale. Mi aspetto un Napoli al 100%”.

SHARE