SHARE

guarin

Fredy Guarin ha concesso un’intervista all’edizione odierna del quotidiano Tuttosport tornando sullo scambio di mercato con Vucinic che lo ha visto ad un passo dalla Juventus esattamente un anno fa. Il colombiano ha poi esaltato Roberto Mancini parlando apertamente di terzo posto come obiettivo alla portata dei nerazzurri.

RESTO PER LA GENTE – Guarin ha affermato: “Il pensiero che tutti quei tifosi l’anno scorso fossero sotto la sede sociale per impedire al club di cedermi è stato incredibile, da allora mi sento ancora più interista e voglio dare tutto per la mia squadra, la protesta dei nostri supporters è il motivo che mi ha spinto a non voler cambiare maglia. Mi trovavo davanti ad un bivio, in un momento difficile della mia carriera, alla fine però è andata come volevo, ovvero sono rimasto in nerazzurro e mi sono sentito importante.

FACCIA A FACCIA – E’ stata una scelta molto significativa e da allora dormo felice la notte. Il presidente Thohir e l’ex allenatore Mazzarri mi chiesero in un incontro cosa volessi fare, io risposi che intendevo restare all’Inter”.

CON MANCIO SI VA IN CHAMPIONS – Guarin esalta anche Roberto Mancini: “Lui è stato un grande giocatore e forse questo fattore lo aiuta di più a capire i giocatori e ad instaurare una relazione con loro. Da quando è arrivato in panchina il nostro gioco è aumentato in intensità, ci dedichiamo di più alla fase offensiva e mostriamo più coraggio nell’esprimere le nostre qualità in partita. Il terzo posto è il nostro obiettivo, se vinceremo 13 partite ce la faremo”.

 

SHARE