SHARE

romaA pochi minuti dalla fine del match ecco le pagelle di Fiorentina-Roma. Tra i viola segnali di risveglio da Gomez, pessima gara di Cuadrado. Nella Roma il migliore è Iturbe, decisivo nel salvare i giallorossi nella ripresa.

FIORENTINA

Tatarusanu 6: Nel primo tempo fa praticamente lo spettatore. La musica non cambia particolarmente nella ripresa. Non può nulla sul gol.

Tomovic 6: Nel primo tempo fa una partita guardinga, pur non disdegnando qualche capatina offensiva. Nella ripresa sta più bloccato, complice la crescita della Roma.

Rodriguez 6,5: Fa buona guardia nel primo tempo, quando sfiora anche il gol con il solito colpo di testa da palla inattiva. Guida bene la difesa anche quando la Roma preme.

Basanta 5,5: Primo tempo inoperoso. Nella ripresa soffre la vena ritrovata di Iturbe e sulle accelerazioni dell’argentino spesso va in difficoltà.

Joaquin 6,5: Si sbatte per tutto il fronte d’attacco cercando di creare superiorità numerica nella metà campo avversaria. Qualche occasione potenziale gli capita, ma niente di trascendentale.

Fernandez 6: Solita partita di corsa e qualità. Prova anche ad esibire l’inedito fiuto del gol messo più volte in luce quest’anno ma si divora il raddoppio a fine primo tempo.

Kurtic 5,5: Entra nella ripresa cercando di sfruttare la propria velocità in contropiede. Ci mette generosità ma fa più conclusione che altro.

Pizarro 6: Contro la “sua” Roma tira fuori le consuete geometrie. Patisce un po’ la fisicità della mediana avversaria. Dal suo piede nasce il gol di Gomez.

B. Valero 6: Trotterella a destra e a manca cercando l’imbucata buona per i compagni. Come Pizarro, soffre la fisicità dei dirimpettai giallorossi.

Pasqual 6: Nel primo tempo sembra essere in una delle sue migliori versioni con tanta spinta e cross pregevoli. Nella ripresa cala, forse preoccupato da Iturbe (Alonso S.V.).

Cuadrado 5: Da uno con la sua accelerazione, il suo dribbling e i suoi piedi ci si aspetterebbe molto di più. Non riesce quasi mai a saltare l’uomo e sembra l’ombra di se stesso.

Gomez 6,5 : Passa il primo tempo a fare movimento e deviare ogni pallone arrivi nella sua zona, venendo premiato con il gol. Non è ancora il killer dei tempi del Bayern ma qualche segnale di risveglio si vede. (Babacar S.V.)

ROMA

De Sanctis 6: Nel primo tempo vede arrivare maglie viola da tutte le parti ma non perde mai la calma. Sul gol di Gomez non può nulla.

Florenzi 5,5: Pasqual lo schiaccia nel primo tempo, il vantaggio di partire arretrato dovrebbe essere quello di garantire spinta a destra ma ci riesce troppo poco.

Manolas 6: Apre il suo match stendendo Gomez in area con un intervento pulito ma rischioso. Tiene bene la posizione e non va mai in affanno.

Yanga-Mbiwa 6: Primo tempo complesso. Nella ripresa cresce e non balla più di tanto.

Holebas 5,5: Primo tempo da dimenticare, la sua proverbiale spinta sembra rimasta a Roma. Cresce alla distanza ma può fare di più.

Nainggolan 6,5: Corsa, quantità a bizzeffe e discreta visione di gioco. Questo è il mediano tuttofare della Roma. Palesemente il più in forma tra i centrocampisti giallorossi.

De Rossi 6: Si rende protagonista di un salvataggio sulla linea su un colpo di testa di Rodriguez. Prova a dettare i tempi ma, soprattutto nel primo tempo, di movimento i suoi compagni ne fanno poco.

Strootman 5,5: Ha la sfortuna di giocare nel momento peggiore dei suoi, come gli altri viene travolto dalle furie viola di inizio match. Esce a metà primo tempo per un problema al ginocchio.

Pjanic 6: Quando entra lui la Roma comincia a ragionare un po’di più. Si rende protagonista di un secondo tempo disciplinato.

Iturbe 6,5: Primo tempo da spettatore non pagante. Ripresa da indiavolato. Il gol di Ljajic è tutto merito di una delle tante accelerazioni che spaccano la difesa viola nel secondo tempo.

Totti 5,5: Come tutti i suoi colleghi di reparto nel primo tempo non la becca mai. Si destreggia meglio nel secondo tempo (Destro S.V.).

Ljajic 6: Anche lui si guarda il primo tempo. Ringrazia Iturbe nella ripresa per l’assist da spingere in porta. Comincia ad avere una buona continuità in zona gol (Maicon S.V.).

SHARE