SHARE

cesena 2015

Il Cesena espugna il Tardini di Parma con un secondo tempo eccezionale ed una fase difensiva quasi impeccabile. Unico neo il goffo autogol di Cascione, ma i romagnoli possono adesso tornare a sperare.

Un lampo nella notte- La partita è da subito combattuta, con il gioco molto confuso che si concentra in un centrocampo particolarmente affollato. Il Parma, pur abbozzando un leggero possesso palla per aggirare le linee romagnole, si affida agli spunti individuali di  Rodriguez e Varela, i quali vengono però puntualmente raddoppiati e si scontrano contro il muro ospite. Dall’altra parte ci si affida ai lanci per la torre Djuric, provando a sfondare per vie centrali. Dopo un gol annullato a Paletta sugli sviluppi di un calcio da fermo, è però il Cesena a passare: nell’unico tentativo di inserimento per vie laterali Pulzetti prende palla sulla sinistra e, rientrato sul suo piede forte, trafigge Mirante con un tiro a giro. Il Parma prova a reagire aumentando la percentuale del possesso, ma sostanzialmente ci prova soltanto in mischie su calcio d’angolo. I due nuovi acquisti fanno del loro meglio, ma Renzetti e Giorgi difendono bene e portano i romagnoli a riposo con un gol di vantaggio.

Muro romagnolo-Entra Cassano ma paradossalmente il gioco del Parma si ingolfa ancora di più. Ne approfitta il Cesena che, pur difendendo con tanti uomini, riparte in maniera pungente: prima Brienza, poi Djuric vanno vicini al raddoppio, con Donadoni che non sa che pesci prendere. Quando i romagnoli sembrano controllare il match ci pensano però Cascione e Leali a combinare un pasticcio: il centrocampista passa la palla indietro con il portiere in uscita, ma i due non si capiscono e la palla finisce in gol. Il pareggio inaspettato rialza il coraggio del Parma, che attacca a testa bassa e prova a vincerla, ma ancora una volta il risultato si capovolge: nel miglior momento dei padroni di casa Alejandro Rodriguez, da poco entrato, mette in rete dopo un batti e ribatti sugli sviluppi di una punizione calciata da Brienza. Vittoria fondamentale per gli uomini di Di Carlo, che guadagnano punti sulla diretta rivale e si avvicinano al Chievo, sconfitto a Torino contro la Juve.

Parma-Cesena 1-1 (Pulzetti 21′, Cascione aut. 31′ st, 44′ st Rodriguez A.)

Parma (4-3-3) Mirante 6, Cassani 5 (29′ st Rispoli 6), Paletta 6.5, Costa 6, Gobbi 5-5, Mauri 6, Lodi 5.5(1′ st Cassano 5.5), Nocerino 6, Varela 5.5, Palladino 5(17′ st Galloppa s.v.), Rodriguez 6

Cesena (4-3-1-2) Leali 5.5, Perico 5.5, Lucchini 6.5 (6′ st Volta 6.5), Krajnc 7, Renzetti 6.5, Giorgi 6.5 (36′ st Cazzola s.v), Cascione 5.5, Pulzetti 6, Brienza 6.5, Djuric 6, Defrel 5.5 (18′ st Rodriguez 6.5)

Il Migliore: Krajnc 7- Muro insormontabile in difesa. Si mangia Palladino a colazione, usa le maniere forti quando serve e guida la difesa con personalità nonostante la giovane età. Baluardo.

 

Il vantaggio di Pulzetti

https://vine.co/v/OTA51KAwJPu

SHARE