SHARE

saviola

MONOLOGO VERONESE – Partita maschia quella che va di scena tra Verona-Atalanta, con gli uomini di Mandorlini arrembanti e vogliosi di far bene fin dal principio. Il primo tempo è tutto di marca gialloblù con Lazaros e Saviola, supportati da Sorensen e Brivio, a creare molto più di qualche problema alla difesa avversaria. E’ soprattutto nel possesso del pallone che il Verona ha la meglio, con i suoi centrocampisti bravi a far circolare velocemente la sfera da una parte all’altra del campo senza correre mai rischi. La squadra bergamasca si affida specialmente ai lanci lunghi sbagliando molto in fase di impostazione e non servendo al meglio le due punte Denis e Pinilla. Al minuto 21 è proprio il Verona a non trovare il gol con Toni, poco bravo nel non sfruttare un buon cross dalla sinistra mancando l’impatto col pallone. Poco dopo è miracoloso Sportiello su Saviola, con quest’ultimo bravo nell’inserirsi tra le maglie della difesa atalantina ed a provare un colpo di testa pericolosissimo. La doppia occasione gialloblù sveglia una spenta Atalanta che, con Zappacosta prima e Pinilla in rovesciata poi, prova ad impensierire l’inoperoso Benussi. La prima frazione di gioco si conclude col Verona all’arrembaggio ma incapace di impensierire gli avversari.

BABBO SAVIOLA – Pronti, via e grandissima occasione per Luca Toni che non riesce a deviare in rete un invitante rasoterra proveniente dalla destra di Saviola. Il gol è nell’aria e arriva al minuto 52 con Saviola che mette dentro un pallone ben gestito e servito al bacio da Lazaros. In gol del vantaggio da un’ulteriore spinta al Verona che prova in tutti i modi di chiudere il match e che al minuto 56 va vicino al raddioppio con Toni, sfortunato nel non trovare il tap in vincente su cross del solito Lazaros. Lo stesso che poco dopo si divora il tap-in vincente dinanzi a Sportiello che è bravo a chiudere lo specchio ed a costringere il greco a calciare alto sopra la traversa. Il passare dei minuti spinge l’Atalanta nella metà campo del Verona ed a provare la rete del pareggio prima con Moralez, destro da fuori, e poi con Denis, che non impatta in semirovesciata un pallone messo al centro da Zappacosta. La girandola di sostituzioni rovina un pò l’intensità di un secondo tempo fatto di squadre allungate e molti capovolgimenti di fronte. Nemmeno le conclusioni finali di Biava, autentico attaccante aggiunto, e Pinilla riescono a regalare all’Atalanta il pareggio, per il dispiacere di Colantuono, probabilmente un pò più in bilico ed incapace di invertire il negativo trend imboccato.

TABELLINO DELLA GARA

Marcatori: 56′ Saviola (Ver)

Ammoniti: 12′ Denis (Ata), 15′ Sorensen (Ver), 86′ Hallfreddson (Ver), 90′ Baselli (Ata)

Il migliore: Saviola 7 – L’attaccante del Verona, al pari di Lazaros, è la vera e propria spina nel fianco della difesa atalantina, sempre in grado di creare scompiglio e di sconvolgere i piani degli uomini di Colantuono. Si regala anche il primo gol in campionato dopo i tanti mesi difficili passati in panchina.

Verona (4-3-3): Benussi 6, Sorensen 6,5, Moras 6, Marquez 6 (dal 45′ Marques 6), Brivio 6,5;  Sala 6,5 (dal 71′ Martic 6), Tachtsidis 6, Hallfreddson 6,5, Lazaros 6,5 (dal 75′ Ionita 6); Saviola 7, Toni 6. All. Mandorlini

Atalanta (4-4-2): Sportiello 6,5; Bellini 6, Biava 6, Stendardo 5,5, Del Grosso 5 (dal 69′ D’Alessandro 6); Zappacosta 6, Cigarini 5,5 (dal 61′ Baselli 6), Carmona 6, Moralez 5; Pinilla 6, Denis 5 (dal 79′ Gomez s.v). All. Colantuono

I vine dei gol

Il primo gol italiano di Saviola

https://vine.co/v/OTAFbnv66md

SHARE