SHARE

babacar-rinnovo

Fiorentina destinata a ridisegnare se stessa in questa finestra di calciomercato, l’addio di Cuadrado oltre ad essere manna dal cielo per i conti gigliati potrebbe innescare una reazione a catena che vedrebbe l’ascesa nell’11 titolare di Khouma Babacar. Montella si è detto da sempre molto attirato dalla possibilità di schierare la coppia BabacarGomez, soprattutto adesso che il tedesco sembra essersi svegliato dal torpore, tanto da dichiarare in tempi non sospetti “Mi intriga, per le difese avversarie non dovrebbe essere facile arginarli contemporaneamente”.

BABACAR, IL PRESCELTO Sarà proprio lui a sostituire Cuadrado, già nella prima parte di stagione il senegalese ex Modena aveva già giocato posizionato da seconda punta alle spalle del tedesco, salvo poi esser promosso a terminale offensivo di spicco dopo lo stop dell’ex Bayern. Adesso la situazione si ripete con qualche differenza, soprattutto sul modulo da utilizzare, anche se difficilmente l’allenatore gigliato si discosterà dal 3-5-2/falso 4-3-3, poi riconducibile ad un “albero di Natale”. Babacar è il nome giusto per la Fiorentina per diverse ragioni: in primis la voglia di giocare del senegalese, dotato di colpi da campione (gol contro Inter o rete nel finale a Verona); secondo una condizione fisica decisamente superiore ai vari Diamanti e Gilardino; terzo, e non meno importante, il suo contratto è in scadenza nel 2016, Babacar ha sempre giurato fedeltà alla viola, è però giusto per lui chiedere delle garanzie sul futuro, onde evitare di vedersi relegato in panchina. Insomma se è vero che tre indizi fanno una prova si può decisamente dire che, in questo caso, le idee di tutti convergono, non un male per l’ambiente fiorentino che però dovrà avere il coraggio di scommettere sulla propria gioventù per continuare la propria crescita sia sportiva che societaria.

 

Stefano Mastini

SHARE