SHARE

dost

Dopo un mese di stop dovuto alla lunga pausa invernale, riparte la Bundesliga, con il big match tra la prima e la seconda della classe. Alla Volkswagen Arena, si sono affrontati i padroni di casa del Wolfsburg e i campioni di Germania del Bayern Monaco, il tutto nella splendida cornice di pubblico che ha tributato un minuto di gioia nel ricordo di Junior Malanda, tragicamente scomparso ad inizio gennaio. Le due compagini sono divise da 11 punti e una vittoria dei bavaresi potrebbe mettere la parola fine al campionato con largo anticipo.

SCATENATO DOST –  Ripartenza con il botto per la Bundesliga: dopo i primissimi minuti di studio, il Bayern si fa infilare da un micidiale contropiede del Wolfsburg, orchestrato da Arnold e rifinito da De Bruyne per Dost che supera Neuer con un preciso rasoterra sul secondo palo. Non si fa attendere la risposta degli ospiti che vanno vicini al pari già al quarto d’ora con Schweinsteiger di testa, complice un’uscita avventata di Benaglio. La fase centrale della frazione è caratterizzata da uno sterile possesso palla del Bayern, troppo impreciso in fase di costruzione e ben controllato dalla retroguardia del Wolfsburg, abilissimo a ripartire sfruttando gli errori in disimpegno dei bavaresi ed in particolare di un distratto Xabi Alonso. Al 29’ si rifanno vivi gli uomini di Guardiola, con una conclusione forte ma centrale di Alaba dal limite.  Con l’avanzare dei minuti si evince un crescente nervosismo del Bayern che non riesce spazi. A 5 dall’intervallo altro bel contropiede dei padroni di casa con l’asse Arnold-Caligiuri abile a recuperare la sfera e a servire Dost, che di fronte a Neuer si intimidisce e spedisce a lato con un tocco sotto. Quando tutto faceva presagire l’1-0 al termine della prima frazione, arriva come un fulmine a ciel sereno il raddoppio del Wolfsburg ancora con Dost che inventa una conclusione d’esterno dal limite che folgora un pietrificato Neuer. Termina quindi 2-0 un primo tempo intenso che ha visto la scena dominata da Bas Dost, e un Bayern troppo brutto per essere vero.

DE BRUYNE SHOW –  Pronti via ed è ancora Wolfsburg, che trova addirittura il 3-0 al 52’ con De Bruyne, il quale lanciato in ripartenza da Arnold, attraversa tutta la metà campo palla al piede e batte Neuer per la terza volta. Gli ospiti però non ci stanno e dopo solo un giro d’orologio provano a riaprirla con la rete di Bernat, bravo e fortunato a trovare la complicità involontaria di Naldo e a battere un indifeso Benaglio da pochi metri. Gli uomini di Guardiola tentano di ottenere il pallino del gioco, trovando comunque un’ottima difesa dei ‘Lupi’, che non disdegnano le ripartenze come al  62’ quando un azione manovrata porta al colpo di testa ancora Dost, senza però creare grattacapi al numero uno tedesco. A 20 dal novantesimo gli ospiti sfiorano il 2-3 con Robben che su punizione costringe alla grande parata il portiere svizzero dei padroni di casa. Al 73’ è però De Bruyne a far calare il sipario sulla sfida, approfittando dell’ennesimo buco lasciato dalla retroguardia avversaria, prima di andar via in dribbling a Dante e battere con un sinistro potente ancora l’estremo difensore della Germania. Nel finale da segnalare solamente la girandola di cambi per gli uomini di Hecking, che si guadagnano la meritata standing-ovation e un’occasione sprecata da Pizarro a pochi passi da Benaglio. Termina così 4-1 per il Wolfsburg che accorcia leggermente le distanze portandosi a -8 dalla vetta.

TABELLINO E PAGELLE:

Wolfsburg-Bayern Monaco 4-1 (3’Dost, 45+1 Dost, 52’ De Bruyne, 54’ Bernat, 73’ de Bruyne)

AMMONITI: Arnold, Luiz Gustavo (W), Xabi Alonso, Schweinsteiger (B)

Wolfsburg (4-2-3-1): Benaglio 6,5; Vierinha 5,5, Naldo 6,5, Knoche 6, Rodriguez 6; Luiz Gustavo 6, Arnold 6,5; Caligiuri 6,5, De Bruyne 7,5, Perisic 6 (Schafer s.v.); Dost 7,5 (Bentdner s.v). Allenatore: Dieter Hecking.

Bayern Monaco (3-5-1-1): Neuer 5,5; J. Boateng 5,5, Dante 5, Alaba 5,5; Robben 5; Xabi Alonso 4,5; Rode 5,5 (Weiser 5,5), Schweinsteiger 5,5, Bernat 6; Muller 5,5 (Gotze s.v); Lewandowski 5 (Pizarro 6). Allenatore: Pep Guardiola.

I GOL:

1-0:
https://vine.co/v/Ot5MpaarPvL
2-0:
https://vine.co/v/Ot5DqjFrnuq

3-0:
https://vine.co/v/Ot5xHXW7EXE
3-1:
https://vine.co/v/Ot5QOgxUPDv
4-1:
https://vine.co/v/Ot5Y3LXMTQm