SHARE

milan napoli

Un piccolo retroscena è stato svelato in settimana da Paolo De Matteis, team manager del Napoli, che ha presentato alla Fetrinelli il suo libro “Demoni sconfitti”. Come riportano i siti 100x100napoli.it e ilnapolista.it lo stesso team manager ha rivelato che, nel corso dell’ultima trasferta a Milano, Nicola Lombardo, responsabile della comunicazione del Napoli, ha accompagnato la squadra «in un refettorio dove era esposta “ L’ultima cena ” di Leonardo Da Vinci. Un bell’esempio di viaggiare con la squadra e approfittare di queste cose immortali». A questo punto lo stesso Lombardo si è sentito in dovere di fare una precisazione: «Non abbiamo comunicato questa cosa perché poi la sera abbiamo perso con il Milan e in questo mondo ignorante c’è l’idea che si perda mezz’ora la mattina per andare a visitare una delle opere più belle al mondo. Qualcuno avrebbe potuto dire: “Anziché pensare al Milan vanno a perdere tempo”».

Una società costretta ad ammirare di nascosto un’opera d’arte pur di evitare polemiche sterili. Un segnale chiarissimo, un triste retroscena, l’ennesimo episodio che conferma il clima esasperato che vive il nostro calcio. Per la cronaca quel 14 dicembre il Napoli perse 2-0 contro il Milan per le reti di Menez e Bonaventura e dopo una settimana conquistò la Supercoppa Italiana ai danni della Juventus.

SHARE