SHARE

bbc

Al giorno d’oggi, si sa, la risonanza mediatica di ogni avvenimento, sportivo e non, viene enormemente amplificata dalla rete e dai suoi social. Il calcio, ovviamente, non fa eccezione, come si nota dalla pioggia di cinguettii e post sulle bacheche dei giocatori di ogni categoria, presi di mira per qualche atteggiamento fuori luogo o incoraggiati, ad esempio, in caso di trasferimento ad un club blasonato. Ne sa qualcosa Padre Michael Duffy, un prete di New York che nella giornata di ieri si è visto citare in centinaia di tweet di congratulazioni virtuali per il suo passaggio al Celtic Glasgow, storico club scozzese e prossimo avversario dell’Inter in Europa League (il 19 febbraio la gara d’andata).

Padre Duffy, ovviamente, è la vittima di un divertente scambio di personalità, o meglio di “profili”. Al sacerdote, infatti, sono arrivati i messaggi di incoraggiamento dei tifosi biancoverdi che lo hanno scambiato per un suo omonimo che il club scozzese ha appena prelevato dal Derry City. È stato proprio il religioso, sbalordito e divertito da tanta improvvisa popolarità, a raccontare la sua storia alla Bbc:
“Dopo aver ricevuto molti messaggi di irlandesi che si congratulavano con me, ho scoperto di avere un omonimo giovane calciatore del Derry City che ha appena firmato un contratto con il Celtic. E pensare che non ne avevo mai sentito parlare prima, né di lui né della sua squadra. Seguo il calcio solo per i Mondiali o quando altri guardano delle partite, come altri sacerdoti amici arrivati dal Ghana o dal Sud America”.
Il prete ha spiegato che il suo indirizzo Twitter è @michaelduffy, a differenza di quello del giocatore che termina con un trattino (@michaelduffy_), concludendo la sua intervista con un simpatico “we’re proud to be Duffys today”.

 

SHARE