SHARE

saul

Nel big-match della 22/a giornata di Liga, l’Atletico Madrid supera per la terza volta in stagione il Real battendolo per 4-0. Mostruosa per intensità la prova dei colchoneros, autori di un letale uno-due ad inizio gara che ha mandato in visibilio il Calderòn e spedito sottoterra le merengues, demolite dal terzo gol di Griezmann a metà ripresa e dal sigillo di Mandzukic nel finale. Decisivo l’ingresso in campo del gioiellino Saul Niguez (classe ’94), protagonista di una prova maiuscola impreziosita dalla splendida rovesciata che è valsa il raddoppio. Con questo successo l’undici di Simeone infiamma la Liga, portandosi a quattro punti dal Real capolista in attesa del Barça, impegnato domani sul campo dell’Athletic Bilbao.

ATLETICO DA URLO- Come da copione l’Atletico, guidato dalla sua boa Mandzukic (preferito a Torres), pressa a tutto campo il Real, non concedendo spazi e ripartendo a velocità supersonica. La partita è maschia come previsto e a farne le spese, dopo appena 10 minuti, è Koke costretto a lasciare il campo al giovane talento Saul. L’ingresso del promettentissimo centrocampista iberico cambia la partita. Passano quattro minuti e i biancorossi passano: cross di Juanfran, tocco all’indietro di Mandzukic e Tiago, con la complicità di un Casillas imbarazzante, trova il pertugio giusto. Il gol infiamma il Calderòn, esaltato dalla verve della squadra di Simeone e dalle giocate dei singoli. Proprio su questa traccia si sviluppa, dopo appena quattro minuti dal vantaggio, la trama del raddoppio: penetrazione perfetta sulla sinistra dell’ex Udinese Siqueira, cross in mezzo e rovesciata perfetta del neo-entrato Saul Niguez, totalmente dimenticato dalla retroguardia merengues. Mai, nel corso della sua intera storia, il Real Madrid aveva subìto gol così velocemente da un giocatore subentrato. Il Real, per la prima volta quest’anno sotto di due gol in appena 18 minuti, è tramortito e incapace di reagire. Passano altri sei minuti e Griezmann sfiora il tris dopo una splendida giocata di Mandzukic, ma Casillas stavolta non fa regali. Al 35′ Godin calcia e trova l’opposizione di Khedira con un braccio: poteva starci il rigore. L’undici di Ancelotti, totalmente assente e in balia dell’avversario, si nota esclusivamente per un paio di cross innocui di Ronaldo e Bale tra i fischi del caldissimo Calderòn che esplode in un boato al duplice fischio dell’arbitro.

LEITMOTIV BIANCOROSSO- Ad inizio ripresa Ancelotti butta subito nella mischia Jesè, sbilanciando ulteriormente la squadra in avanti. L’Ateltico tira immediatamente fuori la garra e la gara si incattivisce. I cartellini fioccano in un Calderòn bollente. Gli ospiti provano a riaprire la gara, impossessandosi infruttuosamente del pallino del gioco. L’equipo di Simeone, ordinata e tignosa, non concede spazi e in contropiede sfiora per due volte il tris con lo scatenato Griezmann. È un monologo a tinte biancorosse: corre il 64′ quando Juanfran scende bene sulla fascia, mette in mezzo ma Tiago fallisce di testa. È il preludio al gol, che giunge puntuale tre minuti più tardi con il solito Griezmann, abile a sfruttare al meglio la perfetta sponda aerea di Saul. Ancelotti si arrende e toglie Isco inserendo il mediano Illarmendi, mentre Saul, protagonista assoluto della sfida, lascia il campo per infortunio raccogliendo l’ovazione del Bernabeu. Standing ovation anche per Griezmann, sostituito da Torres, mentre Benzema, al cui posto subentra Hernandez, raccoglie solo fischi. Il gol del 4-0 di Mandzukic su perfetto assist di Torres, giunto al 87′, mata definitivamente un Real irriconoscibile e col fiato sul collo, in classifica oltre che sul rettangolo verde, di un Atletico protagonista di una partita sensazionale che rilancia prepotentemente le ambizioni dei campioni di Spagna in carica.

Tabellino

Atletico Madrid-Real Madrid 4-0 14′ Tiago, 18′ Saul, 67′ Griezmann, 89′ Mandzukic

Atletico Madrid (4-4-2): Moyá sv; Juanfran 7, Miranda 6,5, Godin 7, Siqueira 7; Arda Turan 6,5, Gabi 6,5, Tiago 7, Koke sv (10′ Saul 8; 71′ Raul Garcia sv); Griezmann 7,5 (77′ Torres sv), Mandzukic 7,5. All. Simeone.
Real Madrid (4-3-3): Casillas 4; Carvajal 5, Varane 4,5, Nacho 4,5, Coentrao 4,5; Khedira 5 (46′ Jesè 5), Kroos 4,5, Isco 4,5 (69′ Illarmendi sv); Bale 4, Benzema 4 (73′ Hernandez sv), Ronaldo 4. All. Ancelotti.
Ammoniti: Kroos, Gabi, Arda Turan, Raul Garcia, Godin, Mandzukic
Il gol del vantaggio dell’Atletico firmato da Tiago con l’evidente complicità di Casillas.

https://vine.co/v/OUW2nMW2UnY

Il raddoppio di Saul con una splendida rovesciata. Real tramortito dall’inizio a mille all’ora dell’Atletico.

https://vine.co/v/OUWHmMwJ21n

 Il tris di Griezmann chiude la partita.

https://vine.co/v/OU7uhpwhDQF

Mandzukic demolisce i blancos.

https://vine.co/v/OU7AX7uATEp

SHARE