SHARE

garcia

Rudi Garcia, presenta Cagliari-Roma in sala stampa a Trigoria. Ecco le dichiarazioni rilasciate poco fa dal tecnico giallorosso in conferenza con i giornalisti:

“Non era mai capitato di avere così tanti infortunati ed indisponibili ma questo non deve essere un alibi, faremo il possibile per ottenere la vittoria e chi c’è dovrà dare di più. Siamo tutti responsabili ed il destino della Roma dipende da noi se vogliamo lottare non solo ogni anno per lo scudetto ma anche in Europa. Ci sono le basi per vincere qualcosa di importante, questo però non si ottiene in un solo giorno, intanto però voglio ridare anima ed entusiasmo alla città ed ai tifosi”.

Garcia parla anche di Francesco Totti che ha saltato l’allenamento del mattino: “L’ho fatto riposare a causa di alcuni sintomi influenzali, ha lavorato in palestra e domani vedremo come sta. E’ già capitato che i nostri giocatori andassero nelle rispettive nazionali e si facessero male lì, mi viene in mente De Rossi in questo senso, oppure Keita. Dobbiamo fare in modo che quando tornino ritrovino energie in breve tempo”.

“Ibarbo? L’infortunio al polpaccio gli era passato, c’era da monitorare il tendine rotuleo, per questo motivo ha avuto un consulto a Barcellona, poi con la Fiorentina l’abbiamo rischiato, ha giocato 20 minuti molto bene ma si è fatto male contro ogni previsione: infatti ha avuto un problema all’altro polpaccio, è stata solo sfortuna”.

Garcia parla anche della vittoria che manca ormai da due mesi: “La Coppa Italia è sfumata purtroppo, ora guardiamo avanti, a campionato ed Europa League, vincere in Sardegna aiuterebbe a fermare questo momento no. L’anno scorso non avevamo le competizioni internazionali quindi non ha senso fare paragoni, in più adesso siamo costretti ad arrangiarci perché quando ti mancano alcuni elementi devi adattarti col capitale umano che ti rimane”.

Garcia spende qualche parola sugli avversari di questa settimana: “Con Zola il Cagliari è migliorato moltissimo, sarà molto bello incontrare un uomo che stimo sia come giocatore che come persona. La Roma al Sant’Elia giocherà al massimo come sempre, il nostro obiettivo è vincere sempre, su ogni campo”.

Mister Garcia spegne le voci che lo vorrebbero lontano dai colori giallorossi a fine stagione: “La Roma è un punto di arrivo e non un trampolino, sono venuto qui per vincere dei trofei e questo la dice tutta. Il nostro gioco si adatta agli avversari di turno, abbiamo difensori veloci come Manolas, quel che ci vuole ora è maggiore sicurezza”.

SHARE