SHARE

montella-fiorentina-empoli

E’ la vigilia di campionato della 22° giornata di Serie A, nella sala Manuela Righini dello Stadio Artemio Franchi si presenta Vincenzo Montella per la consueta conferenza stampa di rito.

CONFERENZA STAMPA MONTELLA Queste le parole del tecnico viola Montella ai giornalisti “I giocatori arrivati sono diversi tra loro, vanno a completare un reparto, ci siamo rinforzati davanti. Una prima punta come Gilardino, Salah che può giocare a destra, sinistra e forse seconda punta. Ha avuto un impatto ottimo, sta benissimo fisicamente. Sembra poter fare seconda punta, ma il suo ruolo è sull’esterno. Poi Diamanti, come seconda punta. Si potrebbe giocare con il 4-3-1-2, ipoteticamente. Siamo tanti, soprattutto davanti. Ma va bene così, quando ci sono tante competizioni. E’ fondamentale andare avanti nelle competizioni, altrimenti la gestione diventa più difficileUna battuta sulla vittoria in Tim Cup “E’ stata una giornata perfetta, poi i gol fatti da Mario, siamo tutti contenti, conosciamo il suo valore. Era anche l’ora, perché in tante partite contro la Roma alcune sono state perse ancha immeritatamente. C’è soddisfazione per aver battuto una grande squadra. Mi auguro ci dia convinzione, dobbiamo giocarcela con tutti. Siamo lì in classifica, ma dobbiamo rimontare. L’Atalanta è squadra ostica, vediamo quanta fatica fanno tutti a vincere con le pseudo-piccole, da loro mi aspetto il massimo dell’agonismo”.

Sul mercato delle panchine e l’interessamento del Milan “Solo voci, io faccio calcio da 25 anni e da quando ho 16 anni ho vissuto queste cose. Mi hanno dato alla Juve, all’Inter e non ci ho mai giocato. Sapete tutti quando in questo momento della stagione questo sia solo gossip e niente più” Si torna poi sui singoli e le potenziali scelte tattiche “Salah come primo impatto sembra avere caratteristiche da seconda punta, dobbiamo vedere come si integra” Sugli infortunati “Inutile accelerare i recuperi degli infortunati, andiamo incontro ad un tour de force. Non voglio rischiare. Gonzalo ieri non si è allenato. Aquilani invece ieri ha fatto il primo allenamento completo. Vedrò nel pomeriggio” Sul Napoli e il progetto gigliato “E’ una squadra forte, in forma. Ma la classifica è corta, noi pensiamo a noi stessi e poi inseguiamo chi è davanti. A me non piace fare proclami, dico solo che ho un contratto lungo per essere un allenatore italiano. A Firenze sto particolarmente bene, sono concentrato sulla gara di domani e sul prosieguo della stagione. Il resto sono discorsi”.

Una battuta su Alino Diamanti “Non mi ha sorpreso nulla di lui, ha talento e temperamento. Dentro la partita si sente, lo conoscevamo. Sta bene, è cresciuto molto. Martedì ha retto bene la partita” Senza Cuadrado più facile fare gol per Gomez? “Trovare la causa dei mancati gol di Mario con la presenza di Caudrado è una forzatura. La verità che ora è più tranquillo, più convinto e anche più fortunato. Martedì ha fatto due gol alla Gomez, bellissimi per come vedo io il ruolo di centravanti” Sul discorso portiere “Ho molta fiducia in Tata, lo avevo già visto in ritiro. Come livello è molto vicino a Neto“.

Su Conte e gli stage mancati “Non so cosa sia successo realmente, ho letto i titoli stamani. Decidono le società, noi allenatori siamo a disposizione” si torna poi all’Atalanta “Loro sono una squadra che si difende molto bene, davanti ha giocatori fisici. Colantuono ha detto che verrà a giocarsi la partita, non solo a difendersi. Noi dobbiamo mettere in campo il nostro massimo per vincere: abbiamo potenzialità, possiamo farcela. Dipende da noi” Chiosa finale di Montella sulla lista UEFA “E’ stata una scelta difficile, premesso che Joaquin e Mati Fernandez si meritavano di entrare per quanto fatto in campionato. Ballava il terzo posto: ho optato per Salah che mi garantisce di poter giocare con il 4-3-3, rispetto a Diamanti ad esempio. Ma è stata comunque una decisione molto molto sofferta”

 

Stefano Mastini

SHARE