SHARE

parma-serie a

Il primo passo verso la fine dell’incubo parmense è stato fatto, finalmente è stato ufficializzato il nome del nuovo proprietario del club: Giampietro Manenti. Manenti è l’amministratore delegato della Mapi Group, una società di servizi con sede in Slovenia. Il nuovo patron ieri si è presentato, insieme al direttore generale Pietro Leonardi ed a Fiorenzo Alborghetti, referente del gruppo Manenti, alla squadra ed all’allenatore cercando di rassicurare l’ambiente ed infondere energie positive nel gruppo. Per salvare il Parma dal baratro in cui si ritrova però servirà ben altro: entro il 16 febbraio dovranno essere saldati gli stipendi di tutti i tesserati e i pagamenti i Iva e Irpef, per un totale che si aggira intorno ai quindici milioni di euro.

Speriamo che questa oasi di salvezza non si riveli solo un miraggio perché l’ambiente Parma è stufo di essere preso in giro e, se non verranno saldati i debiti, i giocatori e lo staff tecnico sono pronti a far partire le azioni di messa in mora della società. Il tecnico Donadoni, su tutti, è stato molto chiaro nella conferenza stampa di ieri: “Siamo stufi di perdere credibilità e vogliamo solo dei fatti concreti. Non vogliamo più avere a che fare con persone che cercano solo attenzione o visibilità. Questa città e questa gente hanno bisogno di altro. E noi, che siamo attori protagonisti siamo veramente esausti e non vogliamo più sottostare a una simile situazione”.

SHARE