SHARE
Galliani Mediaset Premium

galliani-38331

Squadretta, righello e matita, altro che moviola in campo. Gli attrezzi del  mestiere per Adriano Galliani, geometra di lungo corso. Il week end calcistico si è aperto con una polemica stucchevole, montata da un personaggio che le mani in pasta le ha da un bel po’, non solo nel calcio. Eh già, parliamo di uno dei massimi conoscitori dell’etere, braccio destro del primo Berlusconi (per l’ultimo ci sarà tempo). E’ nata così la figuraccia, con i nemici di sky che hanno tentato, invano, di dare lezioni di prospettiva, di spiegare che la linea non è stata modificata per tutelare chicchessia. Sarebbe il caso di concentrarsi su altri aspetti, magari legati al calcio giocato.

Quel calcio che ha ritrovato tra i suoi protagonisti “Alino” Diamanti, da cinese in coma (parafrasando una celebre commedia di Verdone) a campione indiscusso. Il letargo orientale è finito, un bene per lui e il campionato, sempre più povero di talento e di classe. Dovrebbe averne Eto’o, di classe, ma  la rivoluzione messa in piedi da Ferrero è tanto inspiegabile quanto deleteria. Il giocattolo si è rotto e chissà per quanto tempo ancora la figura cinematografica del Presidente riuscirà a reggere il peso tecnico e economico di una compagine che forse è andata oltre le sue possibilità.

Infine il posticipo, condizionato dal rosso sventolato sotto il naso di Marchetti. Decisione ineccepibile, non per il numero uno capitolino che dal del “pazzo” a Gervasoni, prima di accomodarsi sotto la doccia. Decisamente peggiori gli apprezzamenti della curva nord (Gervasoni figlio di…). Appuntamento alla prossima settimana, anzi no, ci sarebbe Parma-Chievo, rinviata per neve a mercoledì.  Già, ci sarebbe. Beati coloro che riusciranno a gustarsela.

di Dario Marotta

SHARE